il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


GRANDINE E TROMBE D'ARIA - COLTIVAZIONI MARTORIATE

Inferno maltempo

Nella prima mattinata violenti temporali in vari centri del territorio: allagamenti e danni ovunque

Inferno maltempo

Un albero crollato in via dell'Annona a Cremona

Gravi danni in un numerosi centri del territorio cremonese a causa dei forti temporali che si sono scatenati nella prima mattinata. Intorno alle 7 il comune di Derovere è stato investito da una tromba d'aria: duramente colpita la frazione di Casalorzo Geroldi. Tetti scoperchiati, tegole ed eternit volati ovunque, decine di alberi sradicati. A Scandolara Ripa d'Oglio una quercia secolare è schiantata al suolo. Praticamente tutti i paesi ubicati tra via Mantova e via Persico hanno subito pesantissime ripercussioni, con la grandine che ha seminato distruzione in ampie porzioni del territorio: sono incalcolabili i danni arrecati alle coltivazioni. A Gabbioneta una pianta è caduta sul municipio tranciando i cavi elettrici e lasciando il paese senza luce; anche a Pescarolo la popolazione ha subito seri disagi per l'interruzione dell'illuminazione pubblica a causa del crollo di un grande albero. Via Mantova è rimasta a lungo bloccata per un'altra grossa pianta abbattuta dal maltempo a Cappella de' Picenardi. E anche Cicognolo ha fatto registrare importanti e allarmenti conseguenze.

Le conseguenze peggiori pare, tuttavia, averle riportate il Casalasco. Nelle frazioni di Casalmaggiore di Camminata, Cappella e Vicoboneghisio acqua alta, strade e abitazioni allagate anche molte ore dopo. Tra Piadena e San Giovanni sono cadute sull'Asolana tre piante che hanno creato disagi alla circolazione. Lesionata anche la casa cantoniera con mattoni e pezzi di grondaia sulla carreggiata. A San Giovanni allagata via Barni e alcuni tratti della zona industriale; tra San Giovanni e Solarolo Rainierio un grosso ramo è caduto sulla Giuseppina. Disastri alle colture anche a Torre de' Picenardi (in particolare all'azienda Fortuna di Pozzo Baronzio), Cingia de' Botti e San Martino del Lago. Anche a Viadana gravi danni a imprese e industrie. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco sia di Cremona che di Viadana.


13 Luglio 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000