il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Sparatoria nel mantovano, feriti piantonati all'ospedale di Cremona

Far west in un bar e per le strade di Castel Goffredo

L'ospedale di Cremona

MANTOVA - I carabinieri hanno arrestato quattro persone ritenute responsabili della rissa con sparatoria scoppiata sabato sera in una discoteca-pub di Castel Goffredo. In manette sono finite le tre persone rimaste ferite (e non quattro come sembrava in un primo momento), tutte nomadi italiane di etnia sinti, e una quarta che potrebbe essere lo sparatore: tre di loro sono residenti a Desenzano del Garda e una in provincia di Treviso, di età tra i 30 e i 40 anni. Due degli arrestati si trovano piantonati negli ospedali di Cremona e Brescia: entrambi hanno ferite di arma da fuoco ad una spalla, ma le loro condizioni non destano preoccupazioni. Gli altri due sono stati accompagnati in carcere a Mantova.

Ancora in fase di ricostruzione la dinamica da parte dei carabinieri. Le accuse per gli arrestati è di rissa, tentato omicidio e porto abusivo d'arma con matricola abrasa. La rissa è scoppiata durante una festa che la comunità sinti aveva organizzato nel locale mantovano, e dove si erano riunite sin dal tardo pomeriggio una ventina di persone. Verso le 22, dopo aver bevuto abbondantemente, un giovane ha rivolto un apprezzamento molto pesante ad una ragazza, che ha scatenato la reazione del fidanzato. La lite ha subito diviso i commensali in due gruppi che hanno cominciato ad insultarsi in lingua sinti (questo particolare in un primo tempo aveva fatto pensare che fossero coinvolti soltanto degli stranieri); dalle parole si è presto passati ai fatti; la lite è degenerata nel parcheggio antistante quando, durante la scazzottata, qualcuno, non ancora identificato dai carabinieri, ha estratto una pistola e si è messo a sparare ferendo una persona. Chi aveva rivolto l'insulto alla ragazza è poi fuggito in auto, subito inseguito da altre due persone. Durante l'inseguimento il fuggitivo è stato colpito ad una spalla da un colpo di pistola che lo ha fatto finire fuori strada, contro l'impianto di autolavaggio in un distributore di carburante. Qui, quasi nel centro di Castel Goffredo, si è svolta l'ultima parte della rissa sedata dall'intervento dei carabinieri avvertiti dalla gente, spaventata, che stava passeggiando per strada. Tre persone venivano trasportate in vari ospedali della zona dove per loro, nella notte, scattavano gli arresti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

30 Giugno 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000