il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


SCUOLE DELL'INFANZIA, BIMBI E GENITORI PROTESTANO IN CORTILE FEDERICO II

Sì alla stangata tariffe, crepe nella maggioranza

Sì alla stangata tariffe, crepe nella maggioranza

Tensione in consiglio comunale

CREMONA - Il consiglio comunale ha approvato l'aumento delle tariffe della scuola dell'infanzia (provvedimento ratificato dalla giunta) e l'approvazione ha aperto crepe all'interno della maggioranza. Durante il consiglio, infatti, Roberto Vitali (lista Perri) ha votato contro. Ma fa ancora più rumore la scelta dell'assessore al Personale Maria Vittoria Ceraso - contraria alla stangata - di abbandonare la riunione di giunta durante il voto di ratifica.

Un consiglio comunale rovente quello andato in scena lunedì pomeriggio. E decisamente teso. Subito è stata respinta la richiesta dei genitori firmatari della petizione contro l’aumento delle rette delle scuole dell’infanzia di intervenire il consiglio comunale. Il consiglio, infatti, è iniziato in ritardo proprio perché i capigruppoo si sono riuniti per esaminare tale richiesta. La maggioranza ha espresso parere contrario. La discussione è poi proseguita tra polemiche e toni accesi, mentre in Cortile Federico II, i bambini con nonni e genitori hanno protestavano con cartelli contro l'imminente stangata.

Così Alessia Manfredini: "La maggioranza al governo della città ha negato la possibilità ad un gruppo di genitori di bambini che frequentano le scuole dell'infanzia comunali e che ha raccolto le firme contro l'introduzione di una nuova retta per la scuola dell'infanzia di intervenire nel corso del consiglio comunale. E' un atteggiamento incomprensibile che dimostra mancanza di attenzione, di sensibilità e di ascolto nei confronti di famiglie che chiedevano semplicemente di poter esporre le loro ragioni".

Nel frattempo occorre registrare, in avvio di consiglio,  le dimissioni di Sergio Padovani, consigliere del Pdl e dirigente dell’Arpa, per incompatibilità Al suo posto subentra l’avvocato Nicola Centofanti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 Giugno 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000