il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


INTERROGAZIONE DI ALESSIA MANFREDINI

'Piano Tamoil, tutto bloccato'

Lo smantellamento in attesa dell'autorizzazione ministeriale

'Piano Tamoil, tutto bloccato'
In alto mare anche il progetto di re-industrializzazione della ex raffineria
Qual è la situazione degli impianti dismessi della raffineria Tamoil? Quali le ipotesi realtive alla re-industrializzazione? Qual è la stima dei costi per il ripristino delle aree esterne e la bonifica delle aree interne? Lo chiede il consigliere del Pd Alessia Manfredini in un'interrogazione rivolta all'assessore Francesco Bordi. La risposta del titolare dell'Assessorato all''Ambiente dimostra, secondo la stessa Manfredini, che "l'accordo sottoscritto a Roma, a distanza di due anni, presenta, per usare un eufemismo, ancora molto incertezze. Di certo sul fronte ambientale sono ancora troppi gli aspetti da chiarire". Bordi spiega che lo smantellamento è attualmente fermo perché necessita di un'autorizzazione ministeriale mai pervenuta; che allo stato attuale è impossibile fornire una stima dei costi; che il piani di re-industrializzazione è bloccato. Il consigliere del Pd commenta così: "Avevamo già chiesto di fare il punto sugli impegni sottoscritti in diverse occasioni, una, in particolare, nella famosa vicenda in cui il Comune di Cremona decise inspiegabilmente di non costituirsi come parte civile nel processo nei confronti di Tamoil. Ad oggi sappiamo che: 
- l'accordo prevedeva negli impegni di ordine istituzionale, la costituzione di un tavolo regionale che aveva il compito di verificare almeno 4 volte l'anno l'andamento di tutti gli impegni sottoscritti, e ad oggi sono stati invece quattro gli incontri in totale, e i verbali ad oggi non sono pubblici
-sulla stima dei costi relativi al ripristino ambientale delle aree esterne, non si è a conoscenza dell'importo complessivo dei lavori fin qui eseguiti da Tamoil che la esegue su base volontaria
- nelle aree interne alla Raffineria ad oggi non si può parlare di bonifica ma di messa in sicurezza, i costi non sono noti e l'attività di smantellamento è ferma
- il progetto di reindustrializzazione nelle aree interne è bloccato.
Mi auguro che il Comune, che continua a valorizzare in ogni occasione questo accordo, s'impegni nella ricerca delle tante risposte che ormai mancano".

15 Maggio 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000