il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


A PIZZIGHETTONE, GENIVOLTA E ISOLA DOVARESE

Ladri scatenati: via cassaforte, tv e... tuta da volontario

Tre colpi in poche ore: nel borgo murato bottino da 50mila euro

Ladri scatenati: via cassaforte, tv e... tuta da volontario

[FIRMA]<MC>PIZZIGHETTONE — La famiglia è alle nozze del figlio, i ladri entrano in azione facendo il colpo grosso, con un bottino da decine di migliaia di euro. Il furto è avvenuto sabato in una villa di via Leonardo Da Vinci,</MC>[/FIRMA] di proprietà di un artigiano in pensione: la banda ha rubato una grande cassaforte piena di gioielli e molti oggetti antichi in argento. Il bottino supera di gran lunga i 50mila euro. I proprietari della villetta erano al matrimonio del figlio e al rientro, hanno trovato il cane rinchiuso in cantina, disordine e danni ovunque e la terribile sorpresa: la cassaforte, lunga oltre un metro e stracolma di oggetti di valore, era sparita. Portata via dalla cantina, caricata in auto da almeno tre o quattro uomini senza che nessuno si sia accorto di nulla. L’unico sospetto è rivolto a un’Alfa 147 grigia, che un vicino di casa ha notato fare una strana manovra nella via dopo mezzogiorno. Al momento non c’è nessun’altra traccia utile alle indagini, che i carabinieri stanno svolgendo a 360 gradi.
Sabato la famiglia era fuori provincia per festeggiare il matrimonio del figlio maggiore. Il primo a rientrare è stato l’altro figlio della coppia, intorno alle 21.30. Dalla strada il giovane ha notato una tapparella alzata e la luce accesa in casa. Si è insospettito e, non appena ha varcato la porta d’ingresso, ha visto il finimondo: la casa a soqquardo, la porta che conduce in cantina divelta. Ha composto subito il 112 e poi ha chiamato i genitori, che erano ancora via. «Venite, qui hanno fatto una ‘strage’». Temendo un faccia a faccia con i banditi, ha atteso l’arrivo dei carabinieri prima di entrare, in ansia per le sorti del cane, che non rispondeva al richiamo. La cagnolina è stata trovata chiusa nel seminterrato, dove nessuno la poteva sentire abbaiare. 
Da una prima ricostruzione dei fatti sembra che i ladri siano entrati dal retro e si siano diretti in sala. Hanno spostato tutti i quadri collezionati dalla coppia, appassionata di antiquariato, probabilmente alla ricerca di una cassaforte a muro. Intanto hanno arraffato gran parte dell’argenteria esposta, compreso un antico servizio da caffè, e degli oggetti preziosi nascosti nello scomparto segreto di un mobile. Poi, in cantina, hanno trovato il bottino più consistente: la cassaforte. «Pesava un quintale ed era più grossa di una lavatrice — racconta il padrone di casa —. Dentro c’erano i ricordi di una vita, gioielli ereditati e acquistati in tanti anni, diamanti, smeraldi, pesanti collier in oro. Tutto sparito. Hanno davvero fatto una ‘strage’»
<CF120><CP5><CL7.5>© RIPRODUZIONE RISERVATA<QR>
Ladri scatenati. Sono tre i colpi andati a segno in poche ore a Pizzighettone, Genivolta e Isola Dovarese. In un caso - quello della razzia nel borgo murato - il bottino è di almeno 50mila euro.

PIZZIGHETTONE. La famiglia è alle nozze del figlio, i ladri entrano in azione facendo il colpo grosso, con un bottino da decine di migliaia di euro. Il furto è avvenuto sabato in una villa di via Leonardo Da Vinci, di proprietà di un artigiano in pensione: la banda ha rubato una grande cassaforte piena di gioielli e molti oggetti antichi in argento. Il bottino supera di gran lunga i 50mila euro.

GENIVOLTA. Notano presenze insolite nella casa a fianco, chiamano il 112 e mettono in fuga i ladri. E’ successo tutto tra le 9.30 e le 10 di stamattina nelle villette di nuova costruzione dietro il cimitero: due persone mai viste prima sono state notate all’interno di un’abitazione pochi minuti dopo la partenza dei proprietari. Prima dell’arrivo della pattuglia la gang, sentendosi osservata, ha preferito lasciare il colpo a metà, portando via l’unico bene che era riuscita a razziare: un televisore.

ISOLA DOVARESE. I padroni di casa vanno via un paio di giorni e una banda di ladri prende d’assalto la loro abitazione di via Pistoia, mettendo sottosopra le stanze e rubando una divisa della protezione civile. Probabilmente la gang non è riuscita a trovare i soldi e i monili in oro, quindi si è allontanata solo con la tuta gialla di uno dei componenti della famiglia, che fa parte del gruppo locale di protezione civile. 

APPROFONDIMENTI SULL'EDIZIONE CARTACEA DE 'LA PROVINCIA' IN EDICOLA VENERDI' 3 MAGGIO

02 Maggio 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000