il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


PIEVE D'OLMI

Il canile della discordia, sopralluogo dell'Asl

Il canile della discordia, sopralluogo dell'Asl

Un momento del sopralluogo al canile di Pieve D'Olmi

PIEVE D’OLMI- Dopo il sopralluogo dell’Asl veterinaria, richiesto dal Comune presso il rifugio per cani, è ‘tregua armata’ tra il sindaco Bruno Canevari e Rosetta Facciolo, che ha in affitto la struttura insieme ad Ivana Manfredini. Nel corso dell’ispezione, durata circa un’ora, il dottor Carlo Rusconi ed il tecnico Vania D’Angelo, entrambi dell’Asl veterinaria, hanno potuto prendere visione delle condizioni in cui sono custoditi i 30 cani, ma non sono riusciti a verificarne la regolare iscrizione all’anagrafe canina tramite la lettura dei microchip, perché gli animali erano terrorizzati dalla presenza di estranei.

Secondo Canevari la situazione è di totale abusivisimo. Se il verbale del'Asl sarà negativo, il primo cittadino ordinerà lo sgombero, in caso di esito positivo attenderà che il rifugio si metta in regola. E non è quindi escluso che si arrivi in ogni caso all'ordinanza di sgombero dopo aver pensato a come sistemare i cani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Aprile 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000