il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


AGGUATO AL GIOIELLIERE

Ferrari: 'Mi hanno sparato un colpo a salve, salvato da calma e onestà'

Ferrari: 'Mi hanno sparato un colpo a salve, salvato da calma e onestà'

Roberto Ferrari

CREMONA - Gli occhi bendati con un maglione, la pistola puntata addosso per oltre un’ora, un colpo a salve sparato all’altezza del volto, uno in canna, ma alla fine, «seppure nella violenza che ho subito», Roberto Ferrari, il gioielliere proprietario di Ferrari Shopping, nella centralissima via Solferino, definisce «gentiluomini» i tre rapinatori che martedì sera gli hanno teso un agguato sotto casa e che poi sono fuggiti, «lasciando le carte di credito e i documenti, come avevo chiesto io, e le chiavi nella serratura».

I fatti. A volto coperto e armati di coltello e pistola, attendono un uomo sotto casa e, sotto la minaccia delle armi, entrano nell’abitazione cercano (invano) di farsi aprire la cassaforte prima di darsi alla macchia con 300 euro e tre cellulari. E’ accaduto intorno alle 19.30 di martedì sera in via Milazzo, centro città, ad un commerciante (F.R. di 50 anni) che aveva appena terminato il lavoro.
I rapinatori probabilmente conoscevano le abitudini della vittima e nonappena il 50enne è arrivato nei pressi di casa sono entrati in azione. Colto alla sprovvista, F.R. è entrato con i tre che lo tenevano in scacco con coltello e pistola. Dopo un inutile tentativo di farsi aprire la cassaforte, i malviventi hanno fato perdere le proprie tracce portando con sé tre telefonini e 300 euro, senza usare violenza nei confronti dell’uomo. F.R. ha sporto denuncia presso i carabinieri di Cremona che stanno indagando sulla vicenda.
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO
L'intervista completa a Ferrari sul giornale in edicola venerdì 12 aprile

11 Aprile 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000