il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Il don chiede soldi da Cipro, ma è un hacker a scrivere

Il don chiede soldi da Cipro, ma è un hacker a scrivere
PIZZIGHETTONE - Si è intrufolato nella mail del sacerdote per spillare denaro ai fedeli, fingendosi in difficoltà sull’isola di Cipro, vittima di un furto e bisognoso di soldi per poter rientrare in Italia, da inviare tramite l’agenzia di trasferimento denaro Western Union. Una truffa in piena regola, quella messa in atto da un misterioso hacker, che si è impadronito della casella di posta di padre Sandro Lafranconi, collaboratore alla parrocchia di Regona, e ha inviato la richiesta d’aiuto a tutti i suoi contatti archiviati.
Parrocchiani della frazione, pizzighettonesi ma non solo: sono state inviate 250 mail truffaldine in giro per il mondo agli amici del padre missionario. Tanto che c’è stato un tam tam di telefonate in paese, altre sono giunte in canonica, agli amici e ai parenti di padre Sandro da parte di gente preoccupata. Chiamavano da vari posti in Italia, ma anche dall’estero: dal Belgio, dalla Guadalupa, dall’Irlanda e dalla Polonia. Padre Sandro mette in guardia tutti e rassicura: «Sto bene, non sono a Cipro e non sono stato derubato. Non inviate soldi a nessuno», dice il sacerdote, intenzionato a sporgere denuncia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

04 Aprile 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000