il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Caso-canile, al via il processo con cinque imputati

Caso-canile, al via il processo con cinque imputati

L'ispezione al canile effettuata nel 2010

CREMONA - Prima udienza del caso-canile. I cinque imputati sono in aula per la presunta uccisione e i presunti maltrattamenti di animali che si sarebbero consumati nella struttura di Cremona tra il 2005 e il 2009. Si tratta di dell’ex presidente dell’Associazione Zoofili cremonesi Maurizio Guerrini e la vice Cheti Nin (presente in aula), le due volontarie Laura Grazia Gaiardi ed Elena Caccialanza e la veterinaria dell’Asl Michela Butturini (che deve rispondere solo di abuso d’ufficio). Secondo l’accusa, in quel periodo, presso il canile di Cremona gli animali sarebbero stati sistemati in box sovraffollati e in numerosi casi soppressi. Si parla di circa 300 animali fatti morire attraverso l’inoculazione di farmaci.
Subito due eccezioni presentate dalla difesa. La prima: si è chiesta l’inutilizzabilità dell’incidente probatorio relativo all’esame eseguito da Rosario Fico, il perito incaricato di effettuare l’autopsia sulle oltre trenta carcasse di cani e gatti trovati e sequestrati dai Nas nella cella frigorifera del presidio di via Vecchio Casello: il motivo addotto è che quella perizia sarebbe stata garantita dopo la scadenza del termine delle indagini preliminari. Con la seconda si è domandato di non ammettere al dibattimento nove delle dodici parti civili, vale a dire i rappresentanti di nove associazioni animaliste perché si tratta di realtà nazionali che non sarebbero titolate a spendersi in giudizio sui fatti locali.
I giudici decideranno nell'udienza del prossimo 18 giugno.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

26 Marzo 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000