il network

Lunedì 25 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASSA PIACENTINA

Maxi operazione dei carabinieri: nel mirino i campi nomadi della Bassa

Arrestate 34 persone. Indagini per stroncare l'attività di una banda dedita a furti in appartamento, estorsione, truffa, ricettazione, riciclaggio

Maxi operazione dei carabinieri: nel mirino i campi nomadi di Caorso e Piacenza

CAORSO - Oltre 100 carabinieri del comando provinciale di Piacenza, con il supporto delle unità specializzate, nella notte e all’alba di venerdì 15 marzo hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del tribunale di Piacenza, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 34 persone residenti nei campi nomadi di Piacenza (via Torre della razza) e Caorso (via Rovere) ritenute responsabili di: associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati, furti in abitazione, estorsione, truffa, ricettazione, riciclaggio, utilizzo fraudolento dei mezzi elettronici di pagamento, detenzione e porto abusivo di armi nonché detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine è stata condotta dal nucleo investigativo del comando provinciale di Piacenza, che ha permesso di ricostruire il sistema con cui il gruppo criminale gestiva una florida attività che comprendeva anche truffe ed estorsioni soprattutto ai danni di persone anziane, in provincia e in quelle limitrofe.

Ulteriori 6 provvedimenti cautelari sono stati eseguiti dai carabinieri della compagnia di Fiorenzuola nei confronti di persone dedite ai furti di capi ed accessori di abbigliamento griffati, messi a segno all’interno di una importante azienda di logistica nella quale alcuni di loro erano impiegati. Nel corso dell’attività investigativa è stata sequestrata merce per un valore di 600 mila euro. I particolari dell’operazione verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 14 in Procura a Piacenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

15 Marzo 2019

Commenti all'articolo

  • They

    2019/03/16 - 07:07

    Ottima iniziativa ma fino a quando non si accendono le "ruspe" la situazione non migliorerà!

    Rispondi

  • marco

    2019/03/15 - 14:02

    ...... no.... no è vero ..... è brava gente che lavora sodo rubando nelle case ..... italiani tutti razzisti.

    Rispondi

  • la talpa

    2019/03/15 - 10:10

    Per fortuna ci sono le forze dell'ordine (sotto pagati ) ma sempre presenti i danni che fanno questa feccia sono inimmaginabili.

    Rispondi