il network

Lunedì 25 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


TERRITORI

Lunezia, una nuova regione con Cremona e Piacenza insieme

Il dibattito entra nel vivo, se vuoi esprimere la tua opinione partecipa al sondaggio e al dibattito sulla nostra pagina Facebook

Lunezia, una nuova regione con Cremona e Piacenza insieme

Piacenza, Cremona e parte del Cremonese, Mantova e Reggio Emilia in un’unica regione. E con loro anche La Spezia, Massa Carrara e alcune località della provincia di Lucca. Non è fantascienza ma l’ipotetico confine dell’area geografica ‘Lunezia’, per la cui creazione è stato avviato un dibattito che sfocerà presto nell’ufficiale proposta di un unico ente territoriale. A promuoverla è anche il vice sindaco di Caorso Fabio Callori.

E tu cosa ne pensi? Per esprimere il tuo parere puoi partecipare al sondaggio e al dibattito sulla nostra pagina Facebook.

LE ORIGINI STORICHE
Il termine Lunezia è stato coniato nel 1989, durante un convegno incentrato sulle identità di alcune storiche aree geografiche: la Lunigiana (oggi divisa tra Liguria e Toscana), il ducato di Parma e Piacenza, quello di Modena e Reggio, l’Apuania e la Garfagnana. Secondo chi sostiene questo progetto, ci sono legami culturali, linguistici e storici di lunga data. Non a caso questa regione era già stata ipotizzata dalla commissione dei 75 in seno alla Costituente, nel 1946. Senza contare, oltre ai già citati, Ducati di Parma e Piacenza, e i possedimenti cremonesi che si incuneavano nel piacentino e nel parmerse dal Medioevo fino al XVIII secolo. E fin qui, diciamo, la storia recente, ma il vecchio territorio di Lunezia sarebbe più antico e coinciderebbe con gli antichi domini protostorici dei Liguri: un piccolo impero ancora prima di quello di Roma. Di quella dominazione che si estendeva a cavallo del Po oggi rimangono solo tracce toponomastiche, secondo i linguisti le località che terminano in asco sarebbero tutti di origine ligure. Alcuni esempi: nel Cremonese si hanno Livrasco, Marasco, Morbasco, Porcellasco; nel Pavese Garlasco, Godiasco, Rosasco; in Piemonte Cherasco, Salasco, Bagnasco; in Liguria Bogliasco, Amasco, Carasco; in Emilia Bacedasco, Calendasco.

18 Febbraio 2019