il network

Giovedì 21 Febbraio 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Finanziamenti agevolati per riqualificare le facciate di immobili privati

Sottoscritta la Convenzione tra il Comune di Cremona e Banca di Piacenza

 Finanziamenti agevolati per riqualificare le facciate di immobili privati

CREMONA - Sottoscritta la Convenzione tra il Comune di Cremona e la Banca di Piacenza che disciplina le modalità di erogazione di finanziamenti per interventi di riqualificazione delle facciate di immobili di proprietà di privati e di eventuali interventi accessori. La convenzione ha validità sino al 31 dicembre 2020. L’atto è stato siglato martedì 12 febbraio, nella Sala Giunta di Palazzo Comunale, dal sindaco Gianluca Galimberti per il Comune di Cremona e da Pietro Coppelli, condirettore generale della Banca di Piacenza, presenti la vice sindaco con delega allo Sviluppo Maura Ruggeri, l’assessore al Territorio Andrea Virgilio, che hanno coordinato il percorso che ha portato all’intesa, Mara Pesaro, direttore del Settore Sviluppo Lavoro del Comune di Cremona, Marco Trombini, responsabile della filiale di Cremona della Banca di Piacenza, e Simona Bolzoni, funzionaria del Settore Sviluppo del Comune di Cremona.

In base all’intesa sottoscritta, Banca di Piacenza erogherà finanziamenti, assistiti da contributo in conto interessi erogato dal Comune fino ad un massimo di 6.000,00 euro (una tantum fisso di 600,00 euro indipendentemente dall'importo chiesto a finanziamento) per il rinnovo delle facciate di immobili (compreso anche il ripristino di quelle lese da graffiti o comunque da scritte murali), il recupero di fregi di pregio ed edicole murali visibili dall’esterno, per un importo complessivo di 60.000,00 euro. Banca di Piacenza raccoglierà le richieste di ammissione al contributo, corredate dal preventivo di spesa unitamente all'autorizzazione all'esecuzione dei lavori (quando prevista dal vigente Regolamento Edilizio), vidimate dal nulla osta del Comune. I finanziamenti saranno erogati sino al totale esaurimento dei fondi disponibili. 

Al Comune spetterà il compito di verificare che i beneficiari del contributo abbiano effettuato gli interventi di recupero per i quali hanno ottenuto l’agevolazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Febbraio 2019