il network

Giovedì 23 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CREMONA

Rapina e botte alla Lidl, arrestate le due nomadi

Aiutate da un bambino di 8 anni, hanno picchiato selvaggiamente un addetto alla vigilanza (15 giorni di prognosi) che le aveva sorprese a rubare alcolici

Rapina e botte alla Lidl, arrestate le due nomadi

CREMONA - Sono emersi nuovi particolari della vicenda che, lunedì 11 febbraio, ha visto due nomadi creare grande scompiglio all'interno del supermercato Lidl di via Castelleone. Le due giovani rom, aiutate da un bambino di 8 anni, hanno picchiato selvaggiamente un addetto alla vigilanza (15 giorni di prognosi) che le aveva sorprese a rubare alcolici all’interno del punto vendita. Entrambe sono state arrestate in flagranza del reato di rapina impropria aggravata in concorso interno esercizio commerciale. Da quanto raccolto dai carabinieri, dopo essersi impossessate di bottiglie di alcolici per un valore di circa 50 euro ed averle occultate all’interno di alcune tasche opportunamente predisposte nei giubbini indossati, le due donne venivano bloccate dal personale addetto alla vigilanza e dalle cassiere del supermercato. Compreso che il personale stava chiamando i carabinieri, le nomadi si rifiutavano di fermarsi ed aggredivano con una bottiglia l'addetto alla vigilanza, un 38enne originario della Nigeria, colpendolo alla testa e quando rovinava a terra con diversi calci all’addome e ai testicoli, indirizzandogli contro anche il bambino di 8 anni, peraltro particolarmente robusto per la sua età. Dopodiché picchiavano, la responsabile del punto vendita ed una cassiera intervenute in aiuto dell’addetto alla vigilanza, graffiandole e storcendo un dito nel tentativo di spezzarlo ad una delle due, tanto da riuscire a guadagnarsi la fuga dopo aver preso posto a bordo di un’autovettura Bmw, sulla quale vi erano ad attenderle altre due donne, con a seguito due neonati. L’autovettura delle fuggitive veniva intercettata e bloccata dalla pattuglia dei militari mentre stava lasciando l’area del parcheggio per immettersi sulla via Castelleonese. L’addetto alla vigilanza veniva trasportato al pronto soccorso dell’Ospedale, mentre le due dipendenti aggredite riportavano lievi lesioni e non ricorrevano alle cure dei sanitari. Le arrestate, di cui una risultava in stato di gravidanza, espletate le formalità di rito, venivano trattenute, in attesa della celebrazione del processo per direttissima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Febbraio 2019

Commenti all'articolo

  • They

    2019/02/13 - 06:06

    Cavolo queste sono pericolose soprattutto nell'istruire i loro figli! Gentaglia inutile buona solo per aiutare la propaganda dei falsi "buonisti"!

    Rispondi

  • Andrea

    2019/02/12 - 19:07

    Feccia umana.

    Rispondi

  • renzo

    2019/02/12 - 14:02

    Ma diamo loro il R.D.C. così smetteranno con queste azioni illegali

    Rispondi

    • They

      2019/02/13 - 06:06

      Chi ruba alcolici non credo lo faccia per fame!

      Rispondi