il network

Lunedì 18 Febbraio 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

San Sebastiano, polizia locale in festa

Dopo la commemorazione i dettagli sulle attività svolte nel 2018

San Sebastiano, polizia Locale in festa

CREMONA - Commemorazione di San Sebastiano, patrono della Polizia Locale, sabato 19 gennaio, alle ore 10, nella chiesa dedicata ai santi Fabiano e Sebastiano martiri, di via San Sebastiano. La ricorrenza è domenica 20, ma in quanto quest’anno cade di domenica, la celebrazione è stata anticipata. Nella chiesa parrocchiale di San Sebastiano, presenti il sindaco Gianluca Galimberti e l'assessore alla Polizia Locale e Sicurezza Barbara Manfredini, autorità civili e militari, si è tenuta la messa concelebrata da monsignor Alberto Franzini, parroco della Cattedrale e cappellano del Corpo della Polizia Locale, da don Massimo Calvi, parroco di San Sebastiano, e dal vicario don Michele Martinelli. Per l’intera cerimonia, ai fianchi dell’altare, hanno prestato servizio di rappresentanza in alta uniforme il sovrintendente Ettore Luccarini e l’assistente Armando Aversa. Prima dell’inizio della funzione il parroco don Massimo Calvi ha ringraziato gli agenti della Polizia Locale per il lavoro di prossimità che svolgono nei quartieri, mentre monsignor Alberto Franzini ha ricordato l’ex Vice Comandante Roberto Ferrari, recentemente scomparso.

Nel corso della funzione l'offerta dei doni all'altare è stata fatta dall’assistente scelto Claudio Graziani e dall'assistente Roberto Volpari, mentre la tradizionale offerta del casco e del cero è stata affidata rispettivamente all’assistente Tiziano Brambilla e al sovrintendente Franco Sforza. Le letture, nel corso della celebrazione, sono state fatte dal Commissario Giampietro Rossi, mentre la preghiera del vigile urbano è stata letta dal sovrintendente Corrado Gerevini. Il Comandante Pierluigi Sforza ha salutato e ringraziato tutti i presenti ricordando che la scelta di San Sebastiano quale patrono della Polizia Locale è legata al fatto di essere “custodi della città” e tali infatti possono definirsi gli agenti. Con parole commosse il Comandante ha poi reso omaggio all’amico e collega Roberto Ferrari con il quale ha lavorato fianco a fianco per tanti ani e che ora lo immagina idealmente accanto a S. Sebastiano.

Prima della messa gli agenti in alta uniforme, preceduti dal labaro del Corpo, scortato dal Commissario Giorgio Bodini e portato dall’assistente Pasquale Pecorelli, hanno accompagnato l'assessore Barbara Manfredini, la Presidente del Consiglio comunale Simona Pasquali, ed il Comandante Pierluigi Sforza al Civico Cimitero per deporre una corona d’alloro alla stele dedicata ai colleghi defunti, dove hanno reso omaggio anche all’ex Vice Comandante Roberto Ferrari ricordandone la capacità relazionale, l’umanità abbinate ad una grande professionalità.

Terminata la celebrazione in chiesa, al Comando di piazza della Libertà sono state illustrate alla stampa le principali attività svolte dal Corpo della Polizia Locale nel corso del 2018. Nel sua introduzione l'Assessore alla Sicurezza Barbara Manfredini ha ribadito il ruolo che rivestono gli agenti che si possono giustamente definire custodi della città in quanto si rapportano ogni giorno con tutti i cittadini: anche questo è un esempio di attenzione al bene comune. “Gli agenti della Polizia Locale – ha detto tra l’altro l’Assessore – infondono il desiderio di creare comunità facendo rispettare le regole che sono alla base di una convivenza civile: anche grazie a questo impegno quotidiano, unito alla costante e stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine, Cremona può definirsi innanzitutto una città vivibile e di conseguenza sicura”. Ringraziando infine tutti gli appartenenti al Corpo per il grande senso del dovere che dimostrano nel rispondere alle svariate richieste che giungono al Comando ogni giorno, l’Assessore ha infine sottolineato l’importanza dell’assunzione di dieci nuovi vigili, forze giovani già attive sul territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Gennaio 2019