il network

Lunedì 10 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. L'INCHIESTA SUL DOPING

Il poliziotto si difende: «Anabolizzanti per me»

Il 48enne Catapano non risponde al gip ma si apre dopo l’interrogatorio: «Ho una grande passione: li uso ma mai li ho smerciati». Le sostanze trovate in un armadietto e nel frigorifero

Il poliziotto si difende: «Anabolizzanti per me»

L'avvocato Curatti e Catapano

CREMONA - Testa rasata, viso ‘lampadato’, spalle larghe e torace ben sviluppato sotto il giubbotto blu. «Oggi metterete anche la mia difesa?», rilancia Vincenzo Catapano, 48 anni, il poliziotto della sala operativa, con un passato alle Volanti, da martedì 4 dicembre 2018 agli arresti domiciliari per il caso «doping». E stamattina (venerdì 7 dicembre 2018) in tribunale per il «faccia a faccia» con il gip, Elisa Mombelli, davanti alla quale sceglierà di non parlare.

Non conosce ancora gli atti dell’indagine ‘Good drugs’ (‘Buone droghe’) fatta dai colleghi della sezione Antidroga della squadra mobile su uno smercio di anabolizzanti. Non parlerà con il gip (si è avvalso della facoltà di non rispondere), ma il poliziotto lo farà con i cronisti. «Non ho mai smerciato sostanze anabolizzanti. Ne faccio uso io».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Dicembre 2018

Commenti all'articolo

  • NICOLA

    2018/12/08 - 11:11

    Lampadato, rasato, fisicato......al di là della minuziosa descrizione di un corpo maschile che, pare denoti una certa esaltazione attrattiva verso lo stesso ( de gustibus), manca solo il numero di scarpe ed il gruppo sanguigno del soggetto ed il quadretto del mostro da sbattere in prima pagina era completo. Stessa parità di "discrezione" nella cronaca tra un Agente di Polizia anabolizzato ( lo spaccio sarà tutto da provare) e un delinquente spesso "compreso e coccolato" da certa criminale mentalità falso buonista???

    Rispondi

  • vittorio

    2018/12/08 - 09:09

    Torno a riflettere sul metodo usato dal quotidiano Provincia nello scrivere un articolo di nera : se il SOSPETTATO è italiano va bene mettere nome e cognome ( con foto se si tratta di un poliziotto ) , se è un immigrato scatta la necessità di non farlo sapere .

    Rispondi