il network

Lunedì 10 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

'Io sto con chi accoglie: restiamo umani', in piazza con Tavola della Pace

L'iniziativa si terrà sabato 15 dicembre in piazza Stradivari dalle ore 17 alle ore 19

'Io sto con chi accoglie: restiamo umani', in piazza con Tavola della Pace

CREMONA - La Tavola della Pace di Cremona (ACLI Provinciali, Amici di Emmaus, ANPI Cremona, ARCI Cremona, Associazione Latinoamericana, Associazione dei Senegalesi di Cremona e provincia, CGIL, CISL, UIL, Comitato Casalasco per la Pace, Comitato Provinciale UISP, Coop.Soc. NONSOLONOI, Comitato Provinciale LIBERA, CSV Lombardia Sud, Donne senza Frontiere, Forum per la pace e il diritto dei popoli "Don Primo Mazzolari", Forum Provinciale del Terzo Settore, Forum Territoriale del Terzo Settore di Cremona e del cremonese, Gruppo Articolo 32, Immigrati Cittadini, Lega di Cultura di Piadena, Movimento Federalista Europeo, Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani, Pax Christi, Raddhodiaspora- Italia) con il Patrocinio e la Collaborazione del Comune di Cremona e nell’ambito del Festival dei Diritti 2018 promuove per il 15 Dicembre 2018 dalle ore 17:00 alle ore 19:00 in Piazza Stradivari a Cremona una manifestazione dal titolo “Io sto con chi accoglie: restiamo umani”. Il momento di incontro metterà al centro il contrasto alle discriminazioni e la promozione di azioni di accoglienza ed inclusione, per dire a gran voce che noi stiamo con Cremona che costruisce amicizia civica e solidarietà. Saremo con le Istituzioni, le realtà di Terzo Settore, della Scuola e delle Forze Sociali, con i semplici cittadini che difendono la dignità di ogni persona e promuovono dialogo e tutela dei diritti, compresi quelli dei migranti. Come scrive Don Ciotti: “ci sono frangenti della storia in cui il silenzio e l’inerzia diventano complici del male”. Il pomeriggio vedrà alternarsi sul palco interventi, testimonianze e momenti musicali a cura di artisti locali. La Tavola della Pace invita associazioni, gruppi, forze sociali e cittadini a partecipare e dare un segnale di condivisione. Per adesioni inviare una mail a: tavoladellapacecremona@gmail.com.

Già oggi numerose e qualificate sono le adesioni arrivate: Presidente della Provincia Davide Viola, Sindaco di Cremona Professor Gianluca Galimberti, Enti Locali Pace, Consigliera di Parità Professoressa Carmen Fazzi. 
Auser Provinciale, Azione Cattolica CR, Arci Gay, Amnesty International, Anteas, Associazione Mente Locale, Anffas, Accademia della Follia, Cuamm (medici per l’Africa), Consorzio Solco, Coordinamento Disabilità, Cooperativa Nazareth, Casa famiglia Sant’Omobono, Cremona for Kenya, Cremona nel mondo, Circolo Signorini, Donne per Soncino, Fiab, Fa.Re Casalmorano, Forum delle Idee, Gruppo Mia Casalmaggiore, GIT Banca Etica, I giorni cantati, Marciatori della Pace di Vaiano Cremasco, Marciatori della Pace di Soncino, Marciatori della Pace di Romanengo, Rete Donne Cremona. 
Altra Europa con Tsipras, Sinistra per Cremona Energia Civile, Sinistra Italiana, LeU, Partito Democratico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Dicembre 2018

Commenti all'articolo

  • la talpa

    2018/12/07 - 16:04

    ma quante associazioni ,onlus, coop,consorzi, cooperative, sindacati sindaco e consigliere tutti pronti a ricevere clandestini immigrati che rubano spacciano non fanno un c......avete paura di perdere il lavoro di <volontariato> ?o la retta giornaliera che viene elargita non pensando a quanti cremonesi disabili,pensionati,esodati hanno bisogno…..ci sarà la piazza piena di radical-chic buonisti che torneranno a casa sereni e convinti che con la loro presenza hanno contribuito ad buna azione

    Rispondi

  • mario

    2018/12/07 - 13:01

    Io sto con chi accoglie seguendo regole serie ma soprattutto con chi merita di essere accolto!!! Generalizzare è sempre un male, non solo quando si bollano tutti gli immigrati illegali come delinquenti, ma anche quando si propugna l'accoglienza indiscriminata!!!

    Rispondi

  • vittorio

    2018/12/07 - 12:12

    Non ho mai visto un gruppone di radical chic , associazioni religiose e para , omosessuali , associazioni per disabili , marcatori ( ? ) , rete donne ( ? ) così vogliosi di immigrati clandestini ( per la maggior parte ) . In cosa sperano ?

    Rispondi