il network

Lunedì 10 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Piano delle arti: finanziati cinque progetti per la promozione della musica nelle scuole cittadine

Risultato reso possibile grazie al coordinamento del Comune di Cremona in collaborazione con la Rete 'Piazza Stradivari'

Piano delle arti: finanziati cinque progetti per la promozione della musica nelle scuole cittadine

Gianluigi Bencivenga, Maura Ruggeri e Daniele Pitturelli

CREMONA - Cinque progetti dedicati alla musica e rivolti ai docenti e agli studenti delle scuole cittadine che possono essere realizzati grazie ad altrettanti finanziamenti nell’ambito del Piano triennale delle arti, previsto dal D.Lgs. 60/2017, attuativo della Buona Scuola in materia di promozione della cultura umanistica, valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sostegno della creatività. Un risultato raggiunto grazie al coordinamento del Comune di Cremona, Assessorato alle Politiche Educative, che, con la collaborazione della Rete musicale “Piazza Stradivari”, è riuscito a recepire e valorizzare le proposte pervenute dalle realtà scolastiche cittadine. “Per le scuole del nostro territorio - commenta al riguardo la vice sindaco con delega all’Istruzione Maura Ruggeri - il Piano delle arti rappresenta l'opportunità di potenziare azioni sinergiche già da tempo avviate grazie all'attivazione, avvenuta cinque anni fa, delle Rete scolastica musicale provinciale, denominata Piazza Stardivari, presieduta dal dirigente scolastico Daniele Pitturelli e coordinata dal docente Gianluigi Bencivenga, composta da tutte le realtà formative musicali del territorio. D’altro canto, le numerose scuole ad indirizzo musicale locali, il Liceo musicale, capofila della Rete, l’Istituto Superiore di Studi Musicale ‘Claudio Monteverdi’, il Dipartimento di Musicologia e la Scuola Internazionale di Liuteria formano un sistema pubblico di formazione musicale ampiamente riconosciuto in ambito nazionale e internazionale”.


“La spinta alla collaborazione tra istituzioni pubbliche e private insita nel Piano delle arti - prosegue la vice sindaco – è la stessa che l’Amministrazione comunale, insieme alla Rete Piazza Stradivari, ha cercato di implementare in questi ultimi anni attivando progetti musicali destinati ad accrescere le competenze creative dei nostri ragazzi. La formazione musicale rivolta ai docenti della scuola infanzia e primaria rappresenta da sempre una proposta offerta alle scuole perché la diffusione della cultura musicale passa anche attraverso la competenza di insegnanti preparati e motivati. Rammento inoltre il progetto dedicato al turismo scolastico musicale realizzato in collaborazione con la start up BeMymusic”.


Un primo progetto finanziato vedrà come capofila l'Istituto Comprensivo Cremona Tre e favorirà l'apprendimento attraverso la musica in quattro scuole per l’infanzia. A fare da traino sarà il progetto "Violino va a scuola" che coinvolgerà per l’intero percorso i bambini delle sezioni "grandi" della scuola comunale Castello, della scuola infanzia statale Villetta, della scuola infanzia statale di S. Felice e della scuola infanzia paritaria M. Immacolata. Il progetto, distribuito su due annualità, prevede un corso formazione, a cura del a cura del prof. Gianluigi Bencivenga, rivolto ai docenti coinvolti. I bambini, utilizzando lo strumento monocordo denominato bengalino, saranno accompagnati nell'esperienza musicale attraverso un approccio creativo immediato e diretto. Ci si avvarrà inoltre di uno specifico materiale didattico, tra cui un libro per bambini dai 4 ai 7 anni. Un vero e proprio laboratorio per giocare, crescere e imparare, sostenuto da un percorso pedagogico e didattico innovativo.

Il Liceo musicale “A. Stradivari” sarà invece capofila del progetto che coinvolgerà le scuole secondarie di primo grado "A. Campi" e "M. G. Vida" dove saranno attivati corsi di strumenti a corda (violino, viola, violoncello e contrabbasso con strumenti di misura) a completamento dell'offerta formativa musicale già presente, così da coinvolgere sempre più alunni. Sono coinvolti l’Istituto Superiore di Studi Musicale ‘Claudio Monteverdi’ per quanto riguarda le ore di docenza e la Scuola Internazionale di Liuteria che metterà a disposizione gli strumenti musicali.

Il terzo progetto finanziato, Chissà come suonerò, ha come capofila l’Istituto Comprensivo Cremona Uno: si tratta di un percorso finalizzato al coinvolgimento attivo del pubblico che si inserisce all'interno di una esibizione orchestrale affidata all'Orchestra e al Coro giovanile di Cremona Mousikè con la partecipazione anche di allievi dei corsi musicali delle scuole secondarie di primo grado ad indirizzo musicale.

Il progetto La Musica fa la storia, con capofila il Liceo Musicale “A. Stradivari”, offre alle scuole secondarie di primo grado un percorso di apprendimento che intende avvicinare i ragazzi alla musica attraverso la conoscenza di grandi compositori, delle loro opere e del periodo storico e culturale nel quale sono vissuti. Grazie all'intervento di attori e di musicisti, gli allievi potranno usufruire di vere e proprie lezioni concerto con esecuzioni dal vivo da parte di BeMyOrchestra, compagine composta da professionisti, docenti delle massime istituzioni formative musicali e da giovani allievi dei corsi superiori presenti a Cremona, nonché di lezioni tenute da docenti del Dipartimento di Musicologia.

La musica della mia città, capofila l'Istituto Comprensivo Cremona Quattro, è il titolo del quinto progetto finanziato. In questo caso lo scopo è guidare i bambini a conoscere in modo diretto e giocoso la storia del proprio territorio attraverso la ricerca, l’indagine e l’esplorazione. Il progetto è rivolto agli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado che potranno fare da guide turistiche a scolaresche in visita di istruzione accompagnandole nei musei e in istituzioni per la formazione musicale. Alla fine di ogni corso, per mettere in risalto le peculiarità musicali del territorio, sono infine previste esecuzioni dal vivo a cura dell’Ensemble “A. Ponchielli” e delle scuole locali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Dicembre 2018