il network

Giovedì 13 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


LA STORIA

Un cremonese nel disastro di Maiorca: "Un mare di fango"

Pietro Maiandi fa il cuoco e vive da quattro anni nell’isola delle Baleari. L’alluvione ha provocato nove vittime. «Abbiamo avuto tanta paura, chiuso il ristorante siamo fuggiti, ho avvertito subito i miei, adesso sto bene»

Un cremonese nel disastro di Maiorca: "Un mare di fango"

Pietro Maiandi

CASALBUTTANO - Un casalbuttanese testimone dell’alluvione di Maiorca. «Pioveva a dirotto, in breve tempo la via principale del paese si è allagata e ci siamo tutti spaventati. E’ stata una cosa improvvisa ed inaspettata: una tragedia – racconta il cuoco 31enne Pietro Maiandi – che ha provocato morte e distruzione. Mai mi sarei aspettato di vivere un’esperienza come questa». Un violentissimo acquazzone martedì sera ha infatti devastato l’isola spagnola di Maiorca. Ad oggi il bilancio è di almeno nove morti. I servizi di emergenza riferiscono anche di feriti e disperi e di oltre 200 persone che hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni. Ma la conta dei danni è appena iniziata. «Abbiamo avuto tanta paura, chiuso il ristorante siamo fuggiti, ho avvertito subito i miei, adesso sto bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Ottobre 2018