il network

Venerdì 19 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. IL CASO

Annuncio razzista sul treno, è stata una dipendente di Trenord

Indagini dell'azienda chiuse. L'operatrice era nel pieno delle sue funzioni

Il 'report' segreto di Trenord: numeri di una gestione disastrosa

CREMONA - Trenord, che già l'altro ieri (lunedì 6 agosto 2018) aveva giudicato «grave e inqualificabile» il messaggio a sfondo razzista diffuso dall’altoparlante di bordo sul treno delle 12,20 da Milano per Cremona, ha di fatto concluso l'inchiesta interna avviata immediatamente dopo aver ricevuto da alcuni passeggeri la segnalazione di quell'annuncio choc.

E stando agli accertamenti sin qui svolti, valutata prima la possibilità apparsa subito remota e poi rivelatasi infondata di una manomissione del sistema, sentiti tutti gli operatori che erano sul convoglio, ci sono pochi che a pronunciare la frase discriminatoria - «I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i coglioni» - sia stata una dipendente dell'azienda che gestisce il servizio ferroviario regionale. E che in quel momento era nel pieno delle sue funzioni. Ora, individuata l'autrice, sono al vaglio i provvedimenti: sul piatto ci sono tutti quelli previsti dal regolamento in casi simili, dalla sanzione fino al licenziamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

08 Agosto 2018

Commenti all'articolo

  • FABRIZIO

    2018/08/09 - 09:09

    Buondi.... non capisco.... invece di dare a questa signora che ha la responsabilità del treno e dell incolumita dei passeggeri, un premio e un aumento di stipendio almeno del doppio, rischia di essere esonerata? ma siamo tutti matti? ma allora davvero va tutto al contrario!!! io sono senza parole..... che palle con 'sta cosa del razzismo.... e basta....qui e' questione di buon senso... i perbenisti e buonisti son diventati proprio stomachevoli.... e a mia figlia (minorenne) che un giorno di scuola non ha fatto il biglietto le han fatto 50 euro di multa e trattata pure male..... boh boh e ri-boh... io trasecolo.. sono basito... buongiorno

    Rispondi

  • vittorio

    2018/08/09 - 09:09

    Stiamo parlando di TRENORD e questo la dice lunga . I dirigenti li hanno scelti in merito agli esiti dell'esame del sangue , mentre i convogli provengono dai cimiteri degli elefanti . Quello che succede sul " campo " riguarda solo i passeggeri e il personale viaggiante che deve subire angherie di ogni tipo ( ritardi , cancellazioni , ambienti sporchi e non climatizzati , aggressioni di clandestini , taccheggi degli zingari ) , ma guai a chi apre bocca !

    Rispondi

  • NICOLA

    2018/08/09 - 07:07

    Certo che questo è razzismo!!! Infatti questa RAZZA DI GENTAGLIA che difende e si schiera sfrontata a favore dei delinquenti e di tutto il pattume sociale parassita, è discriminatoria è razzista nei confronti della gente onesta ed esasperata!!! Solidarietà piena al Controllore, con la viva speranza di essere ancora in tempo per un drastico e salvifico cambio di rotta.

    Rispondi

  • They

    2018/08/09 - 06:06

    Trenord meglio pensiate ai veri disservizi invece di licenziare chi fa il proprio dovere! Provate voi a viaggiare su un treno con la paura di essere derubati da uno zingaro o con gente che continua ad importunarti!

    Rispondi

  • PAMELA

    2018/08/08 - 23:11

    Piena solidarietà alla dipendente di Trenord! Altro che sanzioni ... una medaglia è una promozione le darei!!! Solo per il fatto che a lavorare sui treni di questi tempi, specialmente per una donna è diventato un mestiere molto pericoloso!!!

    Rispondi

Mostra più commenti