il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Polo della cremazione all'Aem, lavori per il raddoppio

Gestione per almeno 15 anni a partire dal primo luglio, verrà realizzata una seconda linea

Polo della cremazione all'Aem, lavori per il raddoppio

CREMONA - Il Polo della Cremazione passerà dal Comune di Cremona alla risanata Aem Spa dal prossimo primo luglio e al forno crematorio verrà realizzata una seconda linea di cremazione per la quale è già stata richiesta l'autorizzazione regionale.

La Giunta comunale nella seduta di mercoledì 27 giugno e l’Assemblea di Aem il 29 hanno approvato il trasferimento “in house” alla partecipata dei servizi operativi cimiteriali e dei servizi di cremazione delle salme e il potenziamento del forno. A settembre dello scorso anno, nell’ambito della razionalizzazione e rilancio delle partecipate, il Consiglio comunale aveva dato mandato ai tecnici di approfondire i termini economici e amministrativi. Dopo un lungo lavoro di analisi operato dal Comune, con l'assessore competente Rosita Viola, tutta la Giunta, diversi dirigenti e tecnici comunali, e da Aem con tutto suo staff, ora si concretizza la complessa operazione. E' stato approvato il contratto di servizio ed è stato definito il trasferimento del personale (un responsabile dal 1° luglio e 7 funzionari dal 1° gennaio 2019 con comando nel periodo transitorio), tema già affrontato positivamente con le rappresentanze sindacali. 

Questi i termini: per almeno 15 anni Aem gestirà i servizi cimiteriali e di cremazione per conto del Comune di Cremona e realizzerà una seconda linea del forno. Corrisponderà al Comune un canone secondo il contratto. 

Per quanto riguarda le tariffe riguardanti i residenti del Comune di Cremona rimarranno invariate, mentre spetterà ad Aem la valutazione sulle tariffe per i non residenti in funzione dell’Iva e del mercato. 

“Un’operazione davvero importante sia per il Comune, sia per Aem - il commento del Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti e del Presidente di Aem Massimo Siboni - resa possibile a seguito della fondamentale azione di risanamento della partecipata, su cui abbiamo intensamente lavorato in questi anni. Ora Aem non sta solo molto meglio, ma ha delle prospettive di sviluppo importanti attraverso la gestione di nuovi servizi come quello del Polo della cremazione con l’obiettivo del miglioramento dell’efficienza e dell'ampliamento del servizio offerto e con l'attenzione che sempre va esercitata in questo delicatissimo ambito che tocca da vicino i cittadini”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

29 Giugno 2018