il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


TERRITORIO

Unione lombarda soresinese, Paderno sceglie il divorzio

Voto in consiglio per l’uscita dall’ente sovracomunale

Unione lombarda soresinese, Paderno sceglie il divorzio

PADERNO - Cronaca di un divorzio annunciato. Lunedì sera, 25 giugno, il consiglio comunale, con l’opposizione che si è astenuta, ha approvato la delibera che dal primo gennaio 2019 sancisce la fuoriuscita di Paderno dall’Unione Lombarda Soresinese. Troppi i problemi gestionali, tante le carenze nei servizi, insanabili i contrasti che negli ultimi mesi hanno provocato una spaccatura interna nell’ente sovracomunale. Da una parte lo stesso Paderno, Casalmorano (che lo seguirà sulla strada del recesso) e Sesto, dall’altra Castelvisconti, Genivolta e Azzanello. L’elenco dei nodi critici lo ha fatto il sindaco Cristiano Strinati nel suo intervento, incentrato sulla cronistoria degli eventi ma soprattutto sulle molteplici ragioni che a suo dire giustificano la scelta. Dal personale insufficiente alla difficoltà di avere un segretario comunale e di garantire il controllo delle spese, dal fallimento della rete di comunicazione fra i comuni membri, alla perdita della «piena autonomia decisionale». Poi il colpo di grazia: «Ritengo che l’Unione – ha ribadito il sindaco – non sia ad oggi e a queste condizioni lo strumento giusto per accrescere e migliorare i servizi resi alla cittadinanza, configurandosi più come una unione di disservizi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

26 Giugno 2018