il network

Giovedì 13 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. IL CASO KAVARNA

Il Comune: "Potenzieremo i controlli"

Faccia a faccia tra sindaco e il comitato di quartiere. I residenti del Cascinetto esasperati dalla presenza del centro sociale

Faccia a faccia tra sindaco e il comitato di quartiere

CREMONA - E' appena finito il confronto tra l'amministrazione comunale al gran completo - guidata dal sindaco Gianluca Galimberti - e il comitato di quartiere del Cascinetto.

Al centro del 'faccia a faccia' la situazione provocata dalla presenza del centro sociale Kavarna e delle sue iniziative che, prolungandosi fino a notte fonda, mina il concetto stesso di quiete pubblica.

"Un incontro molto costruttivo - spiega la nota - quello tra il comitato di quartiere Cascinetto-Villetta e l’amministrazione comunale. La giunta insieme al sindaco e alla presidente del consiglio ha voluto ascoltare e confrontarsi con i rappresentanti dei cittadini. Un confronto utile e dai toni pacati, in cui il comitato ha ribadito il forte malessere dei cittadini, richiesto maggiori controlli, un monitoraggio costante della situazione ed un intervento complessivo sul quartiere che ridia ai residenti la fruibilità degli spazi collettivi. L'amministrazione si è detta consapevole del disagio dei cittadini e si è detta disponibile a trovare soluzioni condivise per garantire la vivibilità dell'intero quartiere. È stato illustrato il percorso avviato dall'amministrazione in questi anni, che ha visto il Comune in relazione costante con le forze dell’ordine, anche attraverso il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico. Il Comune si è costituito parte civile o ha sporto denunce in tutte le situazioni in cui è stato possibile. Si stanno valutando con le forze dell’ordine ulteriori azioni. Un dato certo emerso e condiviso è stato quello che le regole devono essere fatte rispettare. In particolare si è deciso insieme di dare vita ad un luogo di confronto costante tra comitato e amministrazione comunale, nel quale monitorare con continuità le azioni per la sicurezza dei luoghi e soprattutto costruire insieme, a partire da quanto già presente, un progetto complessivo sul quartiere. Saranno realizzati interventi sull’area del complesso denominato Cascinetto, che tornerà ad essere la sede del comitato. Costruiremo progetti anche con le scuole e non solo, che sappiano animare i luoghi e diano la possibilità di vivere e abitare gli spazi collettivi. Inoltre con il comandante della polizia municipale si è deciso, dopo la prossima assunzione dei nuovi vigili, un presidio più forte dei vigili di quartiere. Queste sono alcune delle decisioni assunte, ma il luogo di confronto permanente servirà anche a costruirne di ulteriori".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Giugno 2018

Commenti all'articolo

  • la talpa

    2018/06/14 - 12:12

    il nulla è stato fatto .Interi quartieri in ostaggio di questi pseudo centri sociali che più di sociale sono spacciatori e assuntori di droghe visto le siringhe che si trovano nelle vicinanze e persino sulla ciclabile vicino

    Rispondi

  • giuseppe

    2018/06/14 - 08:08

    Come volevasi dimostrare. Le autorità democraticamente elette (che piacciano o meno questo non importa) sono suddite dei poteri dello Stato Centrale (Prefettura in particolare) che nessuno elegge ma sono però nominati (e quindi prendono sostanzialemente ordini) da altre Istituzioni (Ministro degli Interni) che rispondono al voto politico popolare. Quindi anzichè eliminare il voto diretto per l'elezione per esempio del Presidente della Provincia si dovevano eliminare le Prefetture (di emanazione fascista) e qui anche coloro che oggi dominano il Viminale non sono esenti da colpa grave. Concludendo ai poveri abitanti del Cascinetto mutuando il titolo di un noto film "non resta che piangere".

    Rispondi

  • vittorio

    2018/06/14 - 08:08

    .... "presidiare il kavarna con i nuovi vigili "......cosa significa concretamente ? Sono stati addestrati come dei Rambo per fronteggiare le iniziative , note a tutti , che caratterizzano questi rispettosi soggetti sociali ?

    Rispondi

  • Fabio

    2018/06/14 - 08:08

    Il nulla…… Non si vuole intervenire per sudditanza verso i due pseudo centri sociali….

    Rispondi

  • Fabio

    2018/06/13 - 23:11

    Fumo negli occhi! Sanno bene cosa devono fare, un incontro inutile: bastava prendere decisioni immediate in qualità di Sindaco!

    Rispondi

Mostra più commenti