il network

Martedì 21 Agosto 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


L'ANALISI DEL TRAFFICO

In tangenziale oltre 40 mila transiti ogni giorno

Circolazione monitorata con le spire: nell’ora di punta, fra le 17 e le 18, il carico raggiunge punte di 2.000 veicoli all’ora. Nel ring interno, le vie a maggiore percorrenza sono via Giordano con 20.000 passaggi e via Massarotti con 16.000

In tangenziale oltre 40 mila transiti ogni giorno

CREMONA - Ampliamento delle zone pedonali di largo Boccaccino e corso Mazzini, incremento delle piste ciclabili (già ora 14 chilometri in più rispetto al 2014), riordino della viabilità e moderazione del traffico in due quartieri, sperimentazione di una particolare forma di bike sharing a flusso libero e di un bus elettrico per il trasporto pubblico urbano, postazioni per la ricarica dei veicoli elettrici: è quanto l’amministrazione ha fatto sin qui sul fronte della viabilità e il bilancio lo hanno tracciato l’altro ieri, nella commissione Ambiente e Mobilità presieduta da Francesca Pontiggia, l’assessore competente Alessia Manfredini e lo staff di tecnici della cabina di regia intersettoriale voluta dalla giunta. Primo focus sullo sviluppo del Pums, il piano urbano della mobilità sostenibile che in settembre si specchierà nelle sue definitive linee strategiche per essere completato entro fine mandato. Circolazione dunque monitorata con le spire: nell’ora di punta, fra le 17 e le 18, il carico raggiunge punte di 2.000 veicoli all’ora. Nel ring interno, le vie a maggiore percorrenza sono via Giordano con 20.000 passaggi e via Massarotti con 16.000.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Giugno 2018

Commenti all'articolo

  • alessandro

    2018/06/13 - 23:11

    tangenziale 40 mila, v giordano 20 mila = mezza tangenziale. non tangenziale. ergo non serve una mezza strada sud. e poi non ci sono le risorse. semplice

    Rispondi

  • alessandro

    2018/06/13 - 23:11

    la strada sud non si farà perchè non ci sono le risorse. semplice. ed il parco del Po è morbasco dove vivono i erse specie animali, va tutelato come fosse un vero parco. meglio piste ciclabili e bus elettrici. e in questo senso l amministrazione non è certo stata con le mani in mano

    Rispondi

  • Andrea

    2018/06/13 - 13:01

    Questi nostri rappresentanti “tecnici così si definiscono” del comune sono dei veri FENOMENI....da baraccone..., Hanno scoperto nel giugno 2018 l’acqua calda, anzi bollente..... Siamo proprio in una vera botte di ferro.....e il ferro a casa mia arrugginisce..... Che abbiano intuito qualcosa...? Anche se la speranza è l’ultima a morire...dubito

    Rispondi

  • Antonio

    2018/06/13 - 11:11

    Chissà i geni al comune che cosa cercheranno di farci intendere per convincere i cittadini che non serve la strada sud dopo questi dati chiari e preoccupanti.

    Rispondi

  • enrico

    2018/06/13 - 11:11

    Speriamo che chi è contrario alla strada sud legga l'articolo e che lo capisca per come e scritto.

    Rispondi

Mostra più commenti