il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Comune, posto a rischio per i 32 precari assunti

Comune, posto a rischio per i 32 precari assunti

 

<CJ6>CREMONA - A rischio il posto dei 32 precari assunti dal Comune. Per queste assunzioni è aperta una procedura della Corte dei Conti e nel mese di maggio è attesa una sentenza che avrebbe l’effetto di un «terremoto» se il Comune stesso venisse condannato.
A spiegare i termini della questione sono stati l’assessore al Personale Maria Vittoria Ceraso, il segretario comunale Pasquale Criscuolo e il capo del personale Maurilio Segalini in una conferenza stampa convocata al termine di un incontro coni sindacati.
I tre hanno difeso l’operato del Comune sottolineando «che se il Comune venisse condannato il giorno successivo alla sentenza i 32 lavoratori dovrebbero essere lasciati a casa. Questo equivarrebbe ad un terremoto perché sarebbe necessario tagliare servizi importanti per i cittadini senza quelle 32 persone».
I sindacati, a margine della conferenza stampa, hanno diramato un comunicato: «Il Comune non ha personale in esubero. Il numero dei dipendenti è quello che serve per garantire ai cittadini la qualità degli interventi».
CREMONA - A rischio il posto dei 32 precari assunti dal Comune. Per queste assunzioni è aperta una procedura della Corte dei Conti per danno erariale e nel mese di maggio è attesa una sentenza che avrebbe l’effetto di un «terremoto» se il Comune stesso venisse condannato.

 

A spiegare i termini della questione sono stati l’assessore al Personale Maria Vittoria Ceraso, il segretario comunale Pasquale Criscuolo e il capo del personale Maurilio Segalini in una conferenza stampa convocata al termine di un incontro coni sindacati. I tre hanno difeso l’operato del Comune sottolineando «che se il Comune venisse condannato il giorno successivo alla sentenza i 32 lavoratori dovrebbero essere lasciati a casa. Questo equivarrebbe ad un terremoto perché sarebbe necessario tagliare servizi importanti per i cittadini senza quelle 32 persone».

I sindacati, a margine della conferenza stampa, hanno diramato un comunicato: «Il Comune non ha personale in esubero. Il numero dei dipendenti è quello che serve per garantire ai cittadini la qualità degli interventi».

'Decisione improvvda' secondo l'atto d'accusa. «Assumere i 32 precari è stata «una decisione improvvida, del tutto illegittima e foriera di notevolissimi esborsi per l’ente locale». È durissimo l’atto d’accusa per danno erariale con cui il sostituto procuratore generale della Corte dei Conti (sezione regionale), Antonino Grasso, cita il sindaco, 6 assessori, 1 ex assessore e due dirigenti comunali per il caso dei lavoratori inquadrati a tempo indeterminato nell’organico dell’ente. Nelle 16 pagine il giudice contabile si sforza di smontare una a una le controdeduzioni inviate dai diretti interessati. L’argomento chiave di Grasso è il mancato rispetto del patto di stabilità e «l’inequivocabile previsione normativa che, in modo imperativo, preclude alle amministrazioni inadempienti dei limiti del patto di stabilità ‘assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto’». In definitiva, il Comune di Cremona, nella misura in cui non ha rispettato le limitazioni sul patto di stabilità nel 2009, non avrebbe potuto disporre alcuna valida assunzione di personale per l’esercizio 2010». Il Comune, come si ricorda nell’atto di citazione, il Comune ha obiettato: «Dopo aver fissato la decorrenza giuridica delle assunzioni al 31 dicembre 2010, i loro effetti economici sono stati ancorati al 1° gennaio 2011». Ma, secondo il procuratore, «anche questa modalità, a ben vedere, non si sottrae a un giudizio di illegittimità. E questo perché «la scansione temporale architettata appare chiaramente elusiva del divieto normativo di costituire rapporti di lavoro, con qualsiasi tipologia, nell’anno successivo alla violazione del patto di stabilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Marzo 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000