il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Sanità e mazzette, per Formigoni chiesto il rinvio a giudizio

L’accusa è di corruzione e turbativa d’asta nell’ambito dell’indagine sul caso ‘Vero’, l’apparecchiatura diagnostica acceleratore lineare acquistata dall’ospedale Maggiore

Sanità e mazzette, per Formigoni chiesto il rinvio a giudizio

CREMONA - La procura di Cremona, a cui il caso era passato da Milano per competenza territoriale, ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex governatore lombardo, Roberto Formigoni, per l’ex sottosegretario alla Presidenza della Regione, Paolo Alli, e per l’ex dg della sanità lombarda, Carlo Lucchina. L’accusa è di corruzione e turbativa d’asta nell’ambito dell’indagine sul caso ‘Vero’, l’apparecchiatura diagnostica acceleratore lineare acquistata dall’ospedale Maggiore. Lo stesso caso che ha travolto l’ex direttore generale del Maggiore, Simona Mariani (lo è stata fino al 2015), anche lei accusata di corruzione e turbativa d’asta. Con la differenza, sul piano della procedura, che Mariani, a differenza del Celeste, ha chiesto il giudizio immediato, eliminando, così, l’udienza preliminare ed anticipando il dibattimento. Il decreto di giudizio immediato è stato emesso due giorni fa dal gup, Letizia Platè. La data del processo dev’essere calendarizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Maggio 2018

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2018/05/18 - 09:09

    E pensare che un individuo così è stato eletto nelle liste del PD a Bologna . Avrà trovato buona compagnia .

    Rispondi

    • Giampaolo

      2018/05/22 - 13:01

      Lei confonde le compagnie. Costui è stato presidente della Lombardia per oltre 20 anni, in compagnia dei leghisti (molti indagati nella sanità lombarda), e dei berluscones, i l cui capo è stato condannato definitivo,ed ai prossimi processi (5) di cui è imputato. Di quali compagnie sta denigrando ? Si informi prima di commentare idiozie.

      Rispondi