il network

Giovedì 20 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Anarchici chiedono la messa alla prova: 'Prima risarciscano i danni'

Fermati appena prima di fare esplodere una bomba rudimentale davanti alla Banca di Piacenza tra le vie Dante e dei Platani

kavarna

CREMONA - Alle quattro del mattino del 6 febbraio 2013, i carabinieri li fermarono un istante prima che facessero scoppiare una bomba rudimentale davanti alla filiale della Banca di Piacenza di via Dante, all’angolo con via dei Platani, dopo aver scritto sui muri ‘Chi la fa l’aspetti’. Candelotto e ‘carica’ di vernice rossa pronti: bastava accendere la miccia.

Accusati di imbrattamento e danneggiamento, Matteo Arisi e Matteo Colombani, ‘Aro’ e ‘Colo’, 26 e 24 anni, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista e frequentatori del Kavarna, attraverso il difensore, Sergio Pezzucchi, giovedì 10 maggio, in un tribunale blindato dentro e fuori, hanno chiesto al presidente, Giuseppe Bersani, la ‘messa alla prova’: la possibilità che viene offerta a chi ha commesso un reato, di estinguerlo completamente, concordando con il giudice un percorso di riabilitazione attraverso un lavoro di pubblica utilità.

Il presidente Bersani concederà la ‘messa alla prova’ ad una condizione: che i due imputati prima risarciscano alla banca il danno causato dall’imbrattamento, quantificato in 400 euro a testa. Arisi e Colombani hanno tempo fino al 5 luglio prossimo, data a cui è stato rinviato il processo. Quel giorno, se daranno la prova dell’avvenuto risarcimento, il presidente quantificherà le ore del lavoro di pubblica utilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Maggio 2018

Commenti all'articolo

  • sergio

    2018/05/11 - 12:12

    il problema è che non avevano acceso la miccia. Capiamo i fatti: questi due "bravi ragazzi" (nomi che si ripetono nelle cronache locali per atti di violenza o devastazione di cose altrui) erano pronti e intenzionati a far brillare la bomba, che non era un giocattolo. E se la caveranno con 400 euro e ore di lavoro (questo è bene, magari scoprono questo meraviglioso mondo della fatica che è il lavoro). Ci vorrebbero i precog di Minority Report

    Rispondi

  • renzo

    2018/05/10 - 18:06

    Oh, finalmente la giusta severità!

    Rispondi