il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Aggressione in stazione, il pizzaiolo: "Ho sbagliato"

Il 36enne Andrea Pistoia ripercorre la vicenda e si dice pentito: pronto a chiedere scusa al ferroviere

Aggressione in stazione, il pizzaiolo: "Ho sbagliato"

I soccorsi al capotreno aggredito

CREMONA - «Non lo dovevo fare. Ho sbagliato. Quando si alzano le mani non si va mai da nessuna parte. Mi si è azzerato tutto in testa quando mia moglie mi ha detto quel che era capitato. Come è stato trattato mio figlio. Le telefonate dal treno. Quelle foto con mio figlio lasciato a bordo tra gli scompartimenti, vicino alle porte, tutto il viaggio così, con a fianco mia moglie, sempre più arrabbiata, e l’altro figlio. Mi è passato per la mente di tutto. Ho pensato che quelle porte potevano essere aperte. Che mio figlio sulla carrozzina non era assicurato con le cinture. Ho perso il controllo. Per i miei figli mi farei uccidere». Andrea Pistoia, 36 anni, il pizzaiolo che martedì 8 maggio, intorno alle 19.30, alla stazione ferroviaria, ha aggredito il capotreno appena sceso dal convoglio regionale 2661, che aveva condotto a Cremona, da Milano, la moglie e i figlioletti, ripercorre la vicenda dopo aver scandito di aver sbagliato, di essersi detto pentito, di essere pronto a chiedere scusa al ferroviere al quale ha sferrato un calcio e un pugno. Per ora il capotreno ha fatto sapere di non volerlo incontrare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

09 Maggio 2018

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2018/05/11 - 11:11

    L'insegnamento quale sarebbe : mena pure fin che vuoi , ma l'importante è che dopo ti scusi ?

    Rispondi

  • la talpa

    2018/05/10 - 14:02

    La talpa Se il capotreno non vuole incontrarlo ha le sue ragioni ( che condivido) non si possono aggredire così le persone senza prima avere chiarito la causa del contesto .solo i coccodrilli piangono dopo

    Rispondi

  • mario

    2018/05/10 - 11:11

    Io non entro nel merito della faccenda, rilevo solo che il soggetto in questione, sul suo profilo facebook, il 13. Luglio 2016, ha fatto pubblicamente le condoglianze alla famiglia Provenzano per la morte del loro Bernardo... e onestamente, anche se si fosse trattato di un post "polemico" (polemica estremamente "criptica", in vero..), la cosa è alquanto imbarazzante....

    Rispondi

  • renzo

    2018/05/10 - 09:09

    È bravo, spero che il capotreno faccia un passo avanti ed accetto le scuse. Sarebbe di grande insegnamento a questa società "malata"

    Rispondi

    • Angelo

      2018/05/11 - 07:07

      e quelli cattivi cosa farebbero??

      Rispondi