il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Saltano sulle auto in sosta e le danneggiano, denunciati

Si tratta di un 19enne cremonese e un 20enne eritreo: incastrati grazie alle videocamere, in precedenza erano già stati fermati in tre diverse occasioni per disturbo alla quiete pubblica

Polizia di stato, controlli intensificati in città

CREMONA - Individuati e denunciati gli autori dei danneggiamenti avvenuti nella notte del primo maggio in via Gerolamo da Cremona, durante la quale due giovani avevano provocato danni saltando su alcune vetture in sosta. Si tratta di in un ragazzo cremonese di 19 anni e di un ragazzo di origine eritrea di un anno più vecchio, entrambi residenti a Cremona.

L’individuazione è stata possibile grazie all’attenta visione delle immagini da parte di un agente il quale, durante la stessa notte, nel corso del servizio di controllo del territorio intensificato in occasione del ponte festivo (con particolare riguardo alla zona in questione in quanto già oggetto di precedenti segnalazioni per disturbo alla quiete pubblica), aveva proceduto all’identificazione dei giovani in tre distinte occasioni.

La prima volta, il ventenne eritreo è stato controllato in corso Mazzini a seguito di una chiamata giunta alla sala operativa per disturbo alla quiete pubblica. Successivamente, lo stesso equipaggio ha identificato il giovane diciannovenne in via Aniense a seguito di una segnalazione relativa proprio al danneggiamento di alcuni veicoli in sosta. Infine la 'volante' è intervenuta presso il supermercato Carrefour di via San Tomaso in ausilio a militari dell’Arma dei Carabinieri, impegnati a sedare una lite tra il personale del punto vendita e tre giovani. Sul posto, i due sono stati identificati in compagnia di un loro amico, anch’egli immortalato dai video di via Gerolamo da Cremona, risultato però estraneo ai danneggiamenti.

Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a verificare il coinvolgimento dei due denunciati in episodi analoghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

05 Maggio 2018

Commenti all'articolo

  • Andrea

    2018/05/05 - 20:08

    Adesso ai loro genitori o altro l’onere di sborsare quanto necessario...e in brevissimo tempo...e a questi due disgraziati lavori socialmente utili per un tempo tale, utile forse, a farli ritornare persone normali...,tanto dovrebbe accadere in un paese normale che fa rispettare le presunte leggi...,!!! Ma questo purtroppo non lo è...

    Rispondi

  • renzo

    2018/05/05 - 18:06

    E i genitori? Ma poverini......

    Rispondi

  • vittorio

    2018/05/05 - 14:02

    Questa sarà l'integrazione ?

    Rispondi