il network

Mercoledì 26 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Messa per il duce, stavolta il sindaco avverte 'preventivamente' la procura

Chiesta l’autorizzazione per celebrare la funzione sabato 28: concessa. Ma nella risposta di Galimberti, oltre ai ‘soliti’ divieti c’è anche ‘l’allerta’ all’autorità giudiziaria

Messa per il Duce,  stavolta il sindaco avverte 'preventivamente'  la procura

CREMONA - Lo scenario è quello di sempre: anche quest’anno, i ‘nostalgici del Ventennio’ hanno chiesto al Comune di poter celebrare la messa in ricordo del duce e dei caduti fascisti il prossimo 28 aprile e il sindaco ha concesso l’autorizzazione ad officiare ‘esclusivamente’ la funzione religiosa, solo all’interno della cappella del civico cimitero e con tutte le consuete prescrizioni. C’è una novità, però. Ed è significativa: questa volta, a differenza del passato, Gianluca Galimberti ha inviato domanda ricevuta, risposta data e allegati alla procura della Repubblica. Come un atto di tutela preventiva. Che è stato condiviso con la giunta e che molto somiglia ad un ‘avvertimento particolare’, apparendo chiaramente finalizzato ad avvisare in anticipo la magistratura, così da evitare accada ancora quel che in barba alle regole è di fatto sempre accaduto: saluti romani e vessilli esposti senza remore, a dispetto di ogni divieto stabilito dalla Costituzione e con inevitabile coda prima polemica e poi giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Aprile 2018

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    2018/04/15 - 21:09

    ha fatto benissimo, e comunque il cimitero è un luogo sacro e di tutti i cittadini e non è comunque adatto a sfilate carnevalesche, ed esige il rispetto di tutti, soprattutto per rispetto della maggioranza dei defunti che nella vita non la pensava certamente cosi anzi.

    Rispondi