il network

Mercoledì 19 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


TANGENTI NELLA SANITA'

Caso 'Vero', Formigoni sarà processato a Cremona

L'ex governatore è accusato di corruzione e turbativa d’asta

Caso 'Vero', Formigoni sarà processato a Cremona

CREMONA - Passa da Milano a Cremona il procedimento giudiziario che vede imputato l’ex governatore della Lombardia ed ex senatore della Repubblica Roberto Formigoni, accusato di corruzione e turbativa d’asta nell’ambito del cosiddetto caso Guarischi. La decisione è stata pressa nelle scorse ore dall’autorità giudiziaria per ‘competenza territoriale’ e assunta dal Tribunale di Milano, che ha accolto la richiesta del collegio difensivo dello stesso ex governatore della Lombardia, composto dagli avvocati Luigi Stortoni e Mario Brusa. Contestualmente è stato deciso di passare a Cremona anche le posizioni dell’ex sottosegretario alla Presidenza della Regione, Paolo Alli, accusato di tentato abuso d’ufficio, e e dell’ex dg della sanità lombarda Carlo Lucchina, accusato di turbativa d’asta e abuso d’ufficio.

Secondo il quadro delineato dall’accusa, Formigoni avrebbe ottenuto dall’ex consigliere lombardo Massimo Gianluca Guarischi «utilità per 447mila euro» allo scopo di assicurare un ‘trattamento preferenziale’ alla Hermex Italia dell’imprenditore Giuseppe Lo Presti nelle gare per la fornitura dell’apparecchiatura diagnostica acceleratore lineare ‘Vero’ in alcuni ospedali, in particolare il Maggiore di Cremona. La richiesta di rinvio a giudizio di Formigoni e per altre persone, tra cui anche Alli.

Chiesta l’archiviazione, invece, per l’ex assessore lombardo alla Sanità Luciano Bresciani. Adesso si vedrà se il quadro accusatorio dei pm reggerà al vaglio dei giudici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

11 Aprile 2018