il network

Mercoledì 23 Maggio 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


SONCINO

Cane torturato e rinchiuso, denunciato il padrone di Bullo

I carabinieri del borgo hanno identificato il presunto aguzzino dell’animale trovato a un passo dalla morte: il 53enne di Coniolo (frazione di Orzinuovi, Brescia) dovrà rispondere di maltrattamenti

Cane torturato e rinchiuso, denunciato il padrone di Bullo

SONCINO - Ci sono volute tre settimane di indagini serrate ma ora Bullo, il cane corso di 9 anni trovato a un passo dalla morte nelle campagne tra Soncino e la Bassa, potrà avere giustizia. I militari del borgo hanno scoperto l’identità del padrone, che è accusato di averlo seviziato fino quasi a ucciderlo. L’uomo, un 53enne di Coniolo (frazione di Orzinuovi, Brescia), dovrà rispondere davanti alla magistratura bresciana di maltrattamenti. Rischia dai tre ai diciotto mesi di carcere e una multa da 5mila a 30mila euro.

Quando è stato trovato da un volontario Bullo pesava appena 19 chili. Un cane della sua età e razza dovrebbe pesarne almeno 60. Oltre alla malnutrizione, sul petto del cane sono state trovate numerose cicatrici circolari che i medici ricondurrebbero a bruciature di sigarette. I veterinari della clinica di Crema sono riusciti a salvare l’animale, che adesso sta lentamente tornando a condurre una vita normale e attende una nuova famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

11 Aprile 2018

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2018/04/10 - 18:06

    Un essere che a definire ignobile e' poco! E' uno schifoso che non merita alcun diritto alla privacy!

    Rispondi

  • marco

    2018/04/10 - 08:08

    Andiamo a trovare il cavernicolo agricolo ottuso !!!! Solo per fare due chiacchere....

    Rispondi

  • franco

    2018/04/09 - 22:10

    Nome, cognome, indirizzo e foto di questo rifiuto umano... Dovrebbe essere additato al pubblico disprezzo. Purtroppo non lo potete o volete fare. Ma se legge questo post deve sapere che fa schifo.

    Rispondi