il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


TRASPORTI

Trenord, da aprile in servizio 17 nuovi macchinisti: saranno 80 entro la fine dell'anno

Intanto Piloni presenta la prima interogazione in consiglio regionale: 'Il sud della Lombardia grida vendetta'

Trenord, da aprile in servizio 17 nuovi macchinisti: saranno 80 entro la fine dell'anno

MILANO - Prosegue il piano assunzioni di Trenord. In aprile entreranno in servizio sui treni Trenord 17 nuovi macchinisti. Altri 19 hanno iniziato in questi giorni l’ultima fase del percorso di formazione, e nelle prossime settimane inizieranno la conduzione. Nel 2018 saranno complessivamente 80 i nuovi macchinisti nell’organico di Trenord.

Inoltre, 80 nuovi capitreno termineranno la formazione entro giugno, ed entro l’estate saranno pronti a salire a bordo di uno dei circa 2400 convogli Trenord che ogni giorno prestano servizio in Lombardia.
 
A novembre si sono svolti concorsi per la selezione di 240 nuovi profili: vi hanno partecipato 18mila candidati: le aule di formazione sono in corso dall’inizio del 2018. I percorsi di selezione proseguiranno anche nel 2018 e porteranno in media a 150 nuove assunzioni all’anno per i prossimi anni. Nel 2017 ci sono stati 155 nuovi inserimenti fra macchinisti e capitreno. Negli ultimi tre anni Trenord ha assunto 303 risorse, in prevalenza nuovo personale viaggiante.

E, in merito al trasporto ferroviario, è pronta la prima interrogazione del consigliere regionale Pd Matteo Piloni per il nuovo presidente Attilio Fontana. "Ritardi, soppressioni e disservizi quotidiani: il sud della Lombardia è abbandonato a se stesso. Dopo il tragico incidente di Pioltello che ha drammaticamente riportato l’attenzione sul tema della sicurezza lungo la rete ferroviaria e a bordo dei treni, dopo gli innumerevoli incontri tra i sindaci della zona e i comitati dei pendolari e le numerose richieste di chiarimenti e confronti su una situazione che si fa sempre più drammatica" spiega il neo consigliere. “Da quel giorno terribile, sulla Cremona-Treviglio-Milano la normalità non è più tornata e i pendolari ne hanno bisogno. E' per questo che chiediamo con forza alla nuova Giunta, e come primo atto politico, quali sono le azioni che intende adottare nei confronti di Trenord per garantire un servizio regolare, efficiente e sicuro, in particolare sulle linee più in difficoltà: Milano-Mantova, Cremona-Treviglio, Cremona-Brescia, Brescia-Parma, Cremona–Fidenza" dichiara Piloni spiegando il testo del documento che presenterà appena l'iter burocratico glielo consentirà. “Chiediamo, inoltre, in attesa dell’arrivo dei nuovi treni, quali investimenti la Regione Lombardia intenda effettuare linea per linea e se non ritenga utile rivedere le priorità delle linee a cui assegnare i nuovi convogli, in vista della scadenza del contratto previsto nel 2020 e predisporre un capitolato di gara per la gestione del servizio ferroviario nei prossimi anni”. Nell'ultimo, ma non meno importante punto del documento, si richiede all'assessore Terzi la disponibilità a incontrare al più presto i consiglieri regionali del territorio, insieme ai Sindaci interessati dalle linee, per entrare nel merito della questione e cercare insieme le modalità per migliorare la percorrenza di queste tratte e, di conseguenza, la qualità della vita dei pendolari.

05 Aprile 2018