il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA-QUINZANO

Pullman strapieno. Non timbra, 15enne multata

La studentessa dell’Anguissola: «L’obliteratrice era ancora spenta». Il mezzo parte: controllo e sanzione

Pullman strapieno. Non timbra, 15enne multata

QUINZANO D’OGLIO - Pullman strapieno, 15enne non riesce a timbrare il biglietto e viene multata: scatta la protesta della famiglia. «E’ salita sul bus ma l’obliteratrice era spenta — spiegano i genitori — e quando il mezzo è partito era così pieno che non era nemmeno possibile spostarsi per vidimare. Il controllore salito al Migliaro non ha voluto sentire ragioni e le ha dato una multa da 51 euro. E’ un’ingiustizia e nostra figlia è rimasta molto scossa. Non paghiamo la multa, ma facciamo ricorso al prefetto perché venga annullata».

Protagonista dell’episodio che si è verificato nei giorni scorsi, lungo la linea Cremona-Quinzano, con partenza alle 13.10 dalla stazione di Cremona, è stata una 15enne bresciana che frequenta l’istituto cittadino Anguissola. Contattata in merito alla vicenda, almeno per il momento la società di trasporti ‘Km’ non ha rilasciato dichiarazioni. Non è la prima volta che i genitori del territorio lamentano bus stracolmi di studenti sia all’andata che al ritorno: «Manca la sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

26 Marzo 2018

Commenti all'articolo

  • alessandro

    2018/03/27 - 23:11

    Solidarietà a questa ragazza e alla famiglia. Fate bene a fare ricorso. 51€ di multa sono una assurdità, indipendentemente dal motivo percui non è stato obliterato il maledetto biglietto. Il buonsenso non abita qui. Perchè tanto rigore? È facile prendersela con chi è giovane vero? E questi poveri ragazzi pendolari, costretti ad orari disumani, a viaggi disumani, per studiare...pendolari....il termine stesso è orripilante..sono persone, persone che si fanno un c... così per andare a lavorare o studiare tutti i santi giorni. Queste persone meriterebbero piú rispetto, attenzione, solidarietá e considerazione. Tsè

    Rispondi

  • Alessandro

    2018/03/27 - 12:12

    Quante balle, pur di difendere il figlio. Se l'obliteratrice è spenta bastava farlo presente all'autista, come facevo quando andavo a scuola. A costo di stare in piedi.

    Rispondi