il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


ECONOMIA

Barilla apre le porte: a Cremona lavorano 280 persone

Open day allo stabilimento di Cà de' Berenzani: prodotti sani e sostenibili

Barilla apre le porte: a Cremona lavorano 280 persone

CREMONA - Una gamma che si amplia sempre di più, con prodotti specifici destinati alle nuove esigenze dei clienti: prodotti integrali (sono in arrivo le nuove Nastrine con il 100 per cento di farina integrale) e prodotti senza glutine e zuccheri aggiunti; a breve sugli scaffali, accanto ai cornetti senza zuccheri, anche i plumcake. Merende prodotte solo con uova fresche da galline allevate a terra, con latte di alta qualità italiano, farcite con yogurt e marmellate 100% italiane. Una filiera responsabile che utilizza energia elettrica derivata solo da fonti completamente rinnovabili, e fa del benessere animale un pre-requisito.
Sono alcuni dei ‘plus’ legati all’innovazione di prodotto ed alla sostenibilità nel settore delle merende del Gruppo Barilla, messi in evidenza venerdì 23 marzo nello stabilimento di Cremona, in occasione del viaggio nell’industria delle merendine promossa da Aidepi: l’associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane presieduta da Paolo Barilla, numero due dello storico gruppo alimentare di Parma. 

Nello stabilimento di via Ca’ de’ Berenzani - in cui lavorano 280 persone - vi sono otto linee, tutte dedicate ai prodotti da forno: pani, torte, merende, merende lievitate naturali e prodotti cotti a vapore. Qui si producono ogni giorno circa un milione e mezzo di merende e quasi 450 mila pani, per una capacità massima di 73.000 tonnellate all’anno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Marzo 2018