il network

Martedì 13 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Incendio di via Ghisleri, il palazzo è inagibile

L’ordinanza del Comune. A innescare il primo focolaio sarebbe stato un mozzicone di sigaretta buttato ancora acceso dentro la grata

Incendio di via Ghisleri, il palazzo è inagibile

CREMONA - L’ordinanza del Comune, compilata sulla base degli accertamenti statici eseguiti dai vigili del fuoco prima e dai tecnici poi, è stata firmata nella mattinata di martedì 20 marzo: è inagibile il palazzo teatro dell’incendio della scorsa domenica sera in via Ghisleri. E non essendo più abitabile sino a quando non saranno effettuati tutti i necessari interventi di messa in sicurezza, si apre il problema della collocazione di chi, in quello stabile, abitava: per ora, sia la famiglia marocchina composta da padre, madre e due bambini tratta in salvo dai pompieri, sia l’italiano che risiedeva in un altro alloggio e non era in casa al momento del rogo, sono ospitati da parenti ma si sta cercando una soluzione. Sul fronte delle indagini, prende sempre più corpo che ad innescare il primo focolaio sia stato un mozzicone di sigaretta buttato ancora acceso dentro la grata e, da quella bocca di lupo, caduto nella parte interrata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

21 Marzo 2018

Commenti all'articolo

  • mario

    2018/03/20 - 13:01

    Visto quanto pioveva quella sera, credo molto poco alla teoria della sigaretta nella "bocca di lupo"... a ben riflettere, gli elementi per avvalorare altre ipotesi non mancano...

    Rispondi