il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Cremona si presenta anche al mercato turistico russo

Alla 25esima edizione del MITT di Mosca, con Enit e CremonaHotels

Cremona si presenta anche al mercato turistico russo

Silvio Lacchini e Giovanni Bastianelli

CREMONA - I violini, la liuteria, la tradizione musicale e poi mostre, cultura, gastronomia, shopping: Cremona presenta la sua offerta culturale, turistica e ricettiva alla 25esima edizione della MITT - Moscow International Travel & Tourism Exhibition, in programma dal 13 al 15 marzo nell’Expocentre della capitale russa. A farsi portavoce dell’intera città questa volta è Silvio Lacchini di CremonaHotels, non solo come operatore privato, ma come parte di una squadra - composta anche da Museo del Violino, Fondazione Ponchielli, Cremona Books e Guindani Viaggi - che vede pubblico e privato correre insieme per ottenere i finanziamenti di un nuovo bando regionale su cultura e turismo e muoversi in modo coordinato verso comuni obiettivi: consolidare i rapporti con operatori commerciali e istituzionali per promuovere la città come destinazione turistica di spessore. In incontri B2B organizzati all’interno dello stand di Enit, Lacchini riceverà i principali tour operator e agenti di viaggio russi interessati al turismo culturale e musicale ai quali saranno presentate le più importanti novità dell’autunno 2018, dalla Triennale alle mostre dedicate al Novecento con il materiale preparato ad hoc dagli uffici dell’Infopoint.

«La Russia rappresenta da sempre uno dei primi Paesi di provenienza di turisti verso l’Italia», afferma l'assessore con delega al Turismo Barbara Manfredini. «Secondo i dati dell’Enit, infatti, nei primi nove mesi del 2017 il flusso di turisti russi arrivati nel Belpaese è aumentato dell'8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, e il trend è in crescita. Senza contare la grande sensibilità culturale dei turisti russi nei confronti della musica e degli strumenti ad arco, in particolare, che rende Cremona una meta potenzialmente molto interessante» conclude Barbara Manfredini. La presenza al MITT segue la collaborazione già attivata dal Museo del Violino e il network internazionale Friends of Stradivari con il Museo Glinka: dallo scorso dicembre, infatti, il museo russo – uno dei più importanti centri di cultura e storia musicale, musicologia e istituzione scientifica di spessore internazionale – ospita strumenti musicali del museo cremonese e un ricco corredo di forme, attrezzi e modelli provenienti dalla bottega di Stradivari, in un tributo alla grande liuteria cremonese, dal Cinquecento fino ad arrivare ai giorni nostri con il primo vincitore della Triennale dedicata alla liuteria, Giorgio C’è. La prossima tappa in terra sovietica la missione internazionale per la chiusura della mostra al Glinka prevista per il prossimo 21 aprile, in occasione della quale il Sindaco e una delegazione delle istituzioni cremonesi incontreranno l’ambasciatore italiano a Mosca e gli operatori turistici incontrati al MITT.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

15 Marzo 2018