il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. ANALISI DEL VOTO

Il centrodestra fa cappotto

Conquistati tutti e quattro i collegi uninominali. A Comaroli il 50% dei voti. Santanché: «Una soddisfazione battere Toninelli»

Il centrodestra fa cappotto

CREMONA - Finisce con un en plein del centrodestra la sfida nei collegi uninominali della provincia. Al Senato il duello nella circoscrizione 17 ha visto Daniela Santanchè portare a casa 146.541 voti (il 48,12%), davanti a Valentina Lombardi (Pd), 70.606, e Danilo Toninelli (Cinque Stelle), 67.693.

La classifica si ripete a livello cittadino con 15.243 voti a Santanché, 10.125 a Lombardi e 7.482 per Toninelli. «Che grande soddisfazione aver sconfitto Toninelli, una grande soddisfazione — ha affermato Santanchè —. In campagna elettorale ha detto che la mia attività politica era una schifezza, poi invece gli elettori hanno detto altre cose.

Buon risultato, ma confinato soprattutto alla città, per Paolo Bodini (Liberi e Uguali) con 8.559 voti che valgono il 2,81%. Una percentuale che diventa il 5,08% (1.856 voti) nei 74 seggi cittadini. «Globalmente — spiega l’ex sindaco — il risultato è deludente. Personalmente non avevo grandi aspettative, la mia era soprattutto una candidatura di testimonianza».

Nell’altro collegio del Senato, il 18, prevale Isabella Rauti, ex moglie di Gianni Alemanno e figlia di Pino, candidata del centrodestra per Fratelli d’Italia, con 119.726 voti. Secondo Paolo Alli, in lizza per il Pd, che ha raccolto 68.031 consensi e Debora Carra (Cinque Stelle) con 63.188 voti.

Anche alla Camera trionfa il centrodestra con Silvana Comaroli (Lega), deputata dal 2008 e poi senatrice dal 2013. La parlamentare soncinese ha ottenuto 79.659 voti, raggiungendo il 50,01%, davanti ad Alessia Manfredini, alla quale sono andati 37.352 consensi e a Christian Di Feo (Cinque Stelle), 32.508. «Grazie a tutti voi — scrive Comaroli — per la fiducia e per la determinazione con cui ci avete sostenuto». In città Comaroli è sempre prima con 16.628 voti, ma la percentuale cala al 42,54%. A Manfredini sono andati 11.078 voti e a Di Feo 7.983. «Una débâcle per il centro sinistra — commenta l’assessore cremonese che ha già contattato Silvana Comaroli per augurarle buon lavoro —. Ma grazie per i 493 voti personali in città e i 1.073 in totale nel collegio», sottolinea Manfredini riferendosi alle preferenze espresse solo per il suo nome.

Anche in questo caso si ripete lo schema per Liberi e Uguali che, con Annamaria Abbate, prende nel collegio provinciale il 2,66%, percentuale che a Cremona diventa il 4,24%.

Nel collegio Cremona-Suzzara a prevalere è il leghista pavese Raffaele Volpi, deputato dal 2008 e poi senatore dal 2013. Volpi ha ottenuto 67.165 voti, il 47,15%, quasi doppiando la candidata del Pd Silvia Cavaletti, a cui sono andati 34.205 suffragi. Terzo Stefano Capaldo, Cinque Stelle, con 32.308 voti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Marzo 2018

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2018/03/05 - 23:11

    Sarebbe ora che Bodini testimoniasse di andersene in pensione definitivamente e non continuare a mettersi inutilmente imostra al museo del violino. Bodini vattene, la gente non ti vuole!

    Rispondi