il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Accoltellò il marito a un braccio, processo al via

Accadde il 24 aprile del 2016. La donna, che nel frattempo è tornata nel suo Paese d'origine, accusata di lesioni aggravate

Accoltellò il marito a un braccio, processo al via

Il tribunale di Cremona

CREMONA - Sono stati sposati per diversi anni, fino all'estate del 2010, quando si sono separati. Lui all'epoca faceva le pulizie in ospedale, assunto da una impresa, lei era disoccupata. Matrimonio difficile quello tra Elena, romena di 30 anni, e Lakmir, indiano di 34 anni, caratterizzato da diversi litigi. Lui beveva e alzava le mani. Lei un giorno, nel corso dell'ennesimo litigio, lo ha accoltellato a un braccio. E' accaduto il 24 aprile del 2016. Elena nel frattempo è tornata nel suo Paese d'origine. Mercoledì 28 febbraio davanti al giudice Francesco Beraglia, si è aperto il processo che la vede accusata di lesioni aggravate. Prima avrebbe scagliato contro il marito la lacca per i capelli, poi lo avrebbe colpito con il coltello da cucina due volte al braccio, causandogli lesioni giudicate guaribili in quindici giorni. Quel giorno intervenne la polizia. Quel giorno, Elena si era dovuta difendere dal marito, come sostiene l'avvocato Giuditta Evangelisti, difensore della donna, che ha contro-querelato l'ex marito.

Il poliziotto Sergio Pollastri quel giorno era in pattuglia sulla volante e si recò sul luogo. "Il marito era nella stalla - ha detto Pollastri - e riferiva di essere stato colpito dalla moglie. Era l'ennesima lite. L'uomo sanguinava, siamo andato insieme su in casa, la moglie era tranquilla, ha ammesso e ci ha consegnato il coltello da cucina che è stato sequestrato. Il marito volle il 118". All'avvocato Evangelisti, il poliziotto ha confermato che la moglie disse che" si trattava dell'ennesima lite e che si era difesa". In quella casa la polizia era intervenuta più volte per i continui litigi. Una volta lei lanciò le uova agli agenti, imbrattò con lo yogurt la porta dei vicini, lui si dovette difendere con lo spray urticante al peperoncino. Il processo è stato aggiornato al 23 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

28 Febbraio 2018