il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA E BASSA PIACENTINA

Aemilia, i giudici: 'La 'Ndrangheta qui è una holding del crimine'

Sentenza a Bologna: 'Potenza organizzativa con una peculiare capacità reattiva e sapeva al contempo operare sempre più a 360 gradi, con una sorprendente abilità mimetica per meglio infiltrarsi nel tessuto economico imprenditoriale sano della regione

Mafia al Nord, 219 richieste di rinvio a giudizio

CREMONA - «Una holding criminale, una multinazionale del delitto»: così i giudici della Corte di Appello di Bologna definiscono l’associazione ‘ndranghetistica al centro del processo ‘Aemilia’ nelle 1.400 pagine della sentenza in abbreviato, che aveva confermato in gran parte la decisione di primo grado per 60 imputati, con condanne fino a 15 anni.

Secondo la sentenza, la 'Ndrangheta al nord, nello specifico anche fra Cremona, il Cremonese e la Bassa Piacentina, è una criminalità organizzata che, nel corso degli anni, «pur manifestando costantemente la propria presenza in Emilia con numerosissimi episodi intimidatori e fatti di sangue, mostrava la propria potenza organizzativa con una peculiare capacità reattiva e sapeva al contempo operare sempre più a 360 gradi, con una sorprendente abilità mimetica per meglio infiltrarsi nel tessuto economico imprenditoriale sano della regione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

27 Febbraio 2018