il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ruba motorino delle Poste e bottiglie di liquore al Bennet, arrestato

Il giovane tossicodipendente è lo stesso che ha rapinato una donna in piazza Libertà nella serata di sabato 10 febbraio

Ruba motorino delle Poste e bottiglie di liquore al Bennet, arrestato

La conferenza stampa in questura a Cremona

CREMONA - La squadra mobile di Cremona ha arrestato Francesco Lorenzano, classe 1990, tossicodipentente. Il giovane, nel pomeriggio di lunedì 19 febbraio, ha rubato un motorino delle Poste e si è recato al Bennet di Castelvetro Piacentino dove ha sottratto 16 bottiglie di liquore per un valore di 150 euro. La direttrice del supermercato se n'è accorta ed ha cercato di bloccare il ragazzo che è invece riuscito a fuggire, tornando con il motorino verso Cremona. Nel frattempo, dopo il furto della due ruote, era stata avvisata la polizia, e proprio una pattuglia della squadra mobile lo ha intercettato alle porte della città; ne è seguito un inseguimento in varie vie, che il 27enne ha percorso in contromano mettendo a rischio anche l'incolumità delle persone. La fuga è terminata in via del Sale dove il motorino è scivolato sull'asfalto e dove gli agenti hanno bloccato il giovane. Nella mattinata di martedì 20 febbraio sono stati confermati gli arresti domiciliari con le accuse di furto aggravato, rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane, è lo stesso che si è reso protagonista della rapina ad una donna nella serata di sabato 10 febbraio in piazza Libertà e di un furto al Penny market lo scorso 6 agosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Febbraio 2018

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2018/02/21 - 14:02

    Arresti domiciliari! Tanto poi esce e fa quello che vuole! La Polizia ringrazia!

    Rispondi

  • They

    2018/02/21 - 06:06

    Mi chiedo perchè continuiamo a pagare lo stipendio ai giudici?

    Rispondi

  • enrico

    2018/02/20 - 11:11

    Arresti domiciliari a lui e al giudice ....

    Rispondi