il network

Lunedì 10 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

A21, vertice in Comune e lettera dei sindacati a Delrio

Alle 8 di mercoledì 14 febbraio l'incontro tra gli enti locali, i rappresentanti dei lavoratori e il sottosegretario Pizzetti, nelle stesse ore il presidente Scuri a Roma per chiedere garanzie

A21, vertice in Comune e lettera dei sindacati a Delrio

CREMONA - Mercoledì 14 febbraio, alle 8 in Comune, è in programma l’incontro convocato dal sindaco Gianluca Galimberti: con il vice sindaco Maura Ruggeri, il presidente della Provincia Davide Viola, il sottosegretario Luciano Pizzetti, la Camera di Commercio e i sindacati territoriali e di categoria. Nelle stesse ore, a Roma, il faccia a faccia del presidente di CentroPadane Fabrizio Scuri con i tecnici del ministero; e la consegna a Graziano Delrio, titolare della delega ad infrastrutture e trasporti, di una lettera firmata dai segretari generali nazionali di categoria dei sindacati.

Si muove su più fronti - in cerca di garanzie e possibili soluzioni alternative - il ‘day after’ di CentroPadane, dopo che il consiglio di amministrazione di lunedì ha accolto all’unanimità la soluzione imposta da Roma di optare per la cessione dei contratti individuali per trasferire il suo personale ad Autovia Padana, nuovo concessionario della Piacenza-Cremona-Brescia.

Il Consiglio di amministrazione di Centropadane, intanto, ha diffuso una note nella quale "comunica di aver preso atto delle disposizioni contenute nella lettera inviata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti circa le modalità di passaggio dei lavoratori e della concessione ad Autovia Padana. Alla luce di quanto prescritto dal Ministero, dunque, la società scriverà ad ogni dipendente per proporre la cessione del contratto di lavoro ad Autovia, che sarà poi chiamata a esplicitare le condizioni individuali di assunzione. Tali azioni - si sottolinea - sono state deliberate dal Cda guidato da Fabrizio Scuri all’unanimità e rispondono alla logica di tutelare Centropadane a fronte delle disposizioni perentorie del Ministero delle Infrastrutture. La società si riserva comunque di prendere contatti, anche in forma scritta, con lo stesso Ministero al fine di avere ulteriori garanzie - nell’interesse dei soci - circa il fatto che il rispetto delle prescrizioni non determini oneri aggiuntivi per Centropadane. Centropadane, infine, precisa di aver espletato tutte le procedure tecniche e burocratiche di sua competenza per il passaggio della concessione e resta in attesa che venga fissata da Roma la data di cessione. L’auspicio rimane comunque quello che sindacato ed Autovia, con la garanzia del Ministero, raggiungano un accordo in tempi rapidi a tutela dei lavoratori e di tutte le parti coinvolte".

13 Febbraio 2018

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2018/02/13 - 23:11

    Chissà se il sindaco si sarà tolto il naso da clown per incontrare i sindacati...

    Rispondi