il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA & PROVINCIA

Gori: "Mi impegno a realizzare 5mila nuovi posti negli asili nido"

Lo scrive sul suo profilo Facebook il candidato alla presidenza della Regione Lombardia

Gori: "Mi impegno a realizzare 5mila nuovi posti negli asili nido"

Giorgio Gori candidato governatore della Lombardia

MILANO - “Lo dice l’Ispettorato Nazionale del Lavoro: in Lombardia nel 2016 5.000 mamme hanno dato le dimissioni per “difficoltà nella gestione delle cure familiari” e oltre 3.000 hanno dichiarato di averlo fatto perché i figli non sono stati accolti al nido, perché non avevano parenti che potessero aiutarle o perché i costi per l’assistenza dei bambini erano troppo gravosi. Dobbiamo rimuovere gli ostacoli che allontanano le donne dal mondo del lavoro: perché è giusto farlo, ed anche perché è importante per lo sviluppo della nostra regione. Per questo le politiche a favore del lavoro femminile hanno una parte così rilevante nel mio programma. Sugli asili ad esempio io dico che non bastano le agevolazioni se gli asili non ci sono. Una volta eletto Presidente della Regione Lombardia io mi impegno a realizzare 5.000 nuovi posti negli asili nido e a rendere il costo più accessibile alle famiglie. Perché anche qui vogliamo raggiungere i Paesi più avanzati d’Europa: più servizi per l’infanzia, più donne libere di lavorare. Fare meglio si può.” Lo scrive sul suo profilo Facebook il candidato alla presidenza della Regione Lombardia Giorgio Gori. Il tema degli asili nido è tra gli argomenti affrontati anche questa mattina nell’intervista rilasciata a Radio InBlu. “Dobbiamo evitare le liste d’attesa per gli asili nido là dove ci sone e creare più posti per i bambini della fascia 0-3 anni. E’ una richiesta che arriva non solo dalle famiglie lombarde, ma anche dall’Unione europea, secondo cui si deve raggiungere l’obiettivo minimo di 33 posti ogni 100 bambini. La Lombardia, invece, raggiunge una media appena del 25%, e intere aree scendono addirittura fino al 20%. Non è più accettabile. Entro il 2019 arriveranno dal governo 40 milioni di euro per gli asili nido. Il mio impegno è quello di raddoppiare il fondo e portarlo ad 80 milioni per costruire nuovi asili, dare un taglio alle liste d’attesa, garantire nuovi posti per i bambini con orari più estesi e flessibili e offrire alle mamme la possibilità di tornare al lavoro già nei primissimi anni di vita dei figli e offrire alle famiglie la possibilità di organizzare la cura dei più piccoli con il sostegno importante che arriva dalla Regione”.

09 Febbraio 2018