il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Insulti sessisti su Facebook, incastrato un 21enne

Smascherato dalla polizia postale dopo una serie di offese 'social' scritte sul profilo di una 40enne: ha patteggiato 400 euro

Insulti sessisti su Facebook. incastrato un 21enne

CREMONA - Offese gravissime, insulti nauseanti: i social sembrano fuori controllo. I violenti della Rete possono fare ciò che vogliono? No, non possono. Ora lo sa Giuseppe, ragazzo di 21 anni, incensurato, che giovedì 8 febbraio ha patteggiato 400 euro di multa per aver diffamato una donna su Facebook. E sono offese pesantissime: si comincia con un ‘put...’ e si prosegue con una escalation di volgarità sessiste. Antonella ha 40 anni e lavora in una azienda di vigilanza. La mattina del 21 maggio di tre anni fa è corsa dalla polizia postale con le conversazioni pubblicate sul suo profilo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

08 Febbraio 2018

Commenti all'articolo

  • renzo

    2018/02/09 - 10:10

    Concordo pienamente, se siamo sicuri del colpevole,al bando la privacy, Foto con nome e cognome così come pure per gli altri reati, è una forma di difesa per chi è debole caratterialmente e/o in difficoltà momentanea (leggasi l'articolo sulle due donne cremonesi costrette a prostituirsi)

    Rispondi

  • graziano

    2018/02/09 - 09:09

    Sarebbe ora che qualcosa si muova,la Rete è piena di cialtroni che offendono a tutto spiano, protetti dall'anonimato.E sarebbe ora di obbligare tutti a mettere nome, cognome e foto reali,non avatar da cartoni animati e nomi inventati.

    Rispondi