il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO

Vuole cantare una canzone razzista al karaoke: lite, minacce e denuncia

Un giovane di Orzinuovi ha discusso con un'altra cliente e l'ha minacciato con un tirapugni

Vuole cantare una canzone razzista al karaoke: lite, minacce e denuncia

SONCINO - Durante una serata di karaoke, organizzata in un locale del borgo, vuole cantare una vecchia canzone a sfondo razziale. Un giovane di Orzinuovi chiede il microfono, i titolari respingono fermamente la proposta, un'altra avventrice lo rimprovera, gli animi si surriscaldano e i due escono per chiarirsi. A quel punto, il ragazzo estrae un tirapugni e inizia a farsi minaccioso. Altri clienti assistono alla scena, chiamano i carabinieri e l'orceano getta a terra il tirapugni dandosi alla fuga. Individuato poco dopo dai militari di Romanengo, è stato denunciato.

I fatti risalgono alla mezzanotte e trenta di domenica 28 gennaio. In un locale di Soncino la serata è animata dal karaoke. Il bresciano vuole cantare una canzone a chiaro sfondo razziale, chiede di avere il microfono e di fare partire la base musicale di 'Faccetta Nera', noto mottetto fascista. I titolari si rifiutano con fermezza. Un'altra cliente, sentendo il titolo, lo rimprovera e inizia la discussione che prosegue, con toni già accesi, all'esterno del locale. E' qui che il giovane tira fuori di tasca il tirapugni e lo alza minacciosamente nei confronti della donna. Il tutto sotto gli occhi di altre persone. Sentendo che qualcuno vuole chiamare le forze dell'ordine, il ragazzo getta a terra il tirapugni e si allontana.

I carabinieri, ascoltate le diverse testimonianze, rintracciano subito l'orceano e lo denunciano per 'minacce e porto abusivo di oggetti atti a offendere'. Dalla consultazione della banca dati della polizia, inoltre, risulta che il giovane, in passato in altri locali di Soncino, si era già reso protagonista di atteggiamenti simili e per questo motivo viene anche munito di foglio di via obbligatorio per tre anni dal Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

30 Gennaio 2018

Commenti all'articolo

  • angelo

    2018/02/01 - 10:10

    ...ma la mamma dei cretini è sempre più incinta... povero frustrato!

    Rispondi

  • Giampaolo

    2018/01/30 - 20:08

    Questo razzista energumeno, leghista dilagante,proprio a Soncino, esibisce le sue performance da bullo xenofobo. Forse perchè la giunta di governo locale in passato è stata oggetto di ingiurie e dimostrazioni anche razziste, nei confronti di vigili, di immigrati, alla stessa presidente della camera seviziata con una bambola gonfiabile, alla quale applaudiva il sindaco e tutta la giunta. Di fronte a questi esempi come si può negare, a questo scellerato la sua verve fasciopadana.

    Rispondi