il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. DUPLICE OMICIDIO ALLO ZAIST

Iniziato in carcere l'interrogatorio di garanzia di Yongqin Wu

Davanti al gip Pierpaolo Beluzzi. L'uomo cinese di 51 anni l'uomo cinese di 51 anni ha ucciso a colpi di mannaia la moglie Chen e il bimbo di 3 anni figlio di una coppia di amici della donna

Iniziato in carcere  l'interrogatorio di garanzia di Yongqin Wu

L'auto con a bordo il gip Pierpaolo Beluzzi

CREMONA - E' appena cominciato (venerdì 26 gennaio) in carcere, davanti al gip, Pierpaolo Beluzzi, l'interrogatorio di garanzia di Yongqin Wu, l'uomo cinese di 51 anni che mercoledì 24, nell'appartamento in via Fatebenefratelli allo Zaist, ha ucciso a colpi di mannaia la moglie Chen e il bimbo di 3 anni figlio di una coppia di amici della donna. Alle 9 è entrato nel penitenziario l'avvocato Luca Curatti. Dieci minuti dopo, è arrivato il gip.

L uomo è detenuto in una cella dell'infermeria con un altro recluso. Ieri mattina è stato visitato da uno psichiatra. Wu sarebbe un 'paranoico gravissimo'. Pare che non abbia la percezione di quello che ha fatto. In passato, dopo il tentato suicidio (si lanciò da una finestra) fu visitato dalla commissione di invalidità psichiatrica. Per un periodo di tempo si recò al Centro psicosociale (CPS), poi sembra che non vi sia più andato. In carcere, allo psichiatra avrebbe raccontato dei continui diverbi con la moglie che gli dava 10 euro al mese. Ha parlato del passaporto, il motivo che ha scatenato la violenta lite degenerata nel sangue. La moglie non voleva che gli venisse rinnovato e lui temeva di dover tornare in Cina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

26 Gennaio 2018