il network

Venerdì 25 Maggio 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


BASSA PIACENTINA

Siringhe sull'argine, i residenti: "Basta spaccio nelle campagne"

Il market della droga a cielo aperto sembra ricominciato dopo la battuta d'arresto in seguito all'operazione ‘Myocastor’ dei Cc

Siringhe sull'argine, i residenti: "Basta spaccio nelle campagne"

BASSA PIACENTINA - «Sull’argine nei pressi di via Buonmusone è ricominciata la ‘processione’ degli spacciatori, con macchine che sfrecciano ad ogni ora e siringhe». A segnalarlo pubblicamente sulla pagina social del paese sono i residenti e segnalazioni simili — girate anche alle autorità — arrivano anche da Caorso e Castelvetro. Il market della droga a cielo aperto, che aveva subito una temporanea battuta d’arresto mesi fa dopo l’operazione ‘Myocastor’ portata a termine dai carabinieri della compagnia di Fiorenzuola, sembra dunque essere ricominciato. Lo provano le siringhe trovate più volte soprattutto nella zona di Monticelli e lo prova la recente operazione della Guardia di finanza che a Caorso ha tratto in arresto un nordafricano sequestrando cocaina, eroina ed hashish.
Ma ora emerge che nei giorni scorsi altri episodi sospetti hanno interessato il territorio della Bassa: a Caorso, proprio in seguito a segnalazioni di residenti, sono intervenute le forze dell’ordine e alcuni stranieri sono stati costretti alla fuga in due distinte occasioni. In un caso hanno anche abbandonato una vettura. Sono in corso indagini serrate per capire se possano o meno esserci legami con i giri di spaccio che, ancora una volta, sembrano provenire dall’hinterland milanese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

16 Gennaio 2018

Commenti all'articolo

  • vittorio

    2018/01/17 - 09:09

    Sono sicuramente quelli arrestati l'ultima volta . Speriamo che la Forze dell'0rdine non si rompano i c......i .

    Rispondi