il network

Giovedì 13 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Aggredisce passanti e danneggia auto: migrante dà in escandescenze

L'uomo è stato bloccato e denunciato da carabinieri e polizia

Aggredisce passanti e danneggia auto:  migrante dà in escandescenze

CREMONA - La scorsa notte i militari sono intervenuti in via Sant’Antonio del Fuoco presso la Casa d’Accoglienza dove un ospite ha litigato con altri migranti minacciandoli di morte e proferendo frasi razziste. L'uomo è stato poi localizzato presso la stazione ferroviaria dove poco prima aveva aggredito alcune persone e il capo stazione presenti nella sala d’attesa. I Carabinieri lo hanno infine rintracciato in piazza Lodi in evidente stato di alterazione psicofisica. Alla vista della pattuglia lo stesso ha raccolto da terra alcune pietre scagliandole contro l’autovettura di servizio, colpendola poi con una mazza di ferro rinvenuta sul posto. Nel corso dell’intervento l'uomo ha danneggiava altre autovetture parcheggiate. Sul posto è arrivata un’altra auto dei Carabinieri di Cremona ed una volante della questura, che congiuntamente sono riuscite a bloccarlo. Identificato in O.S., nato in Nigeria classe 1994, in Italia senza fissa dimora, regolare sul territorio nazionale, è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

16 Gennaio 2018

Commenti all'articolo

  • They

    2018/01/17 - 06:06

    Cos'è una nuova strategia? Sembra ci sia in giro il morbo del "migrante pazzo"!? Imbarcare e via a casa loro!

    Rispondi

  • Andrea

    2018/01/16 - 16:04

    Un’altra merda da mantenere.

    Rispondi

  • mario

    2018/01/16 - 13:01

    Hai capito, mò?? Io credevo che il razzismo fosse una prerogativa di noi ricchi lombardi, e questo avrebbe dovuto essere fonte di grandi sensi di colpa... almeno, così mi è stato inculcato dalla classe politica perbenista (coi solidi interessi nell cooperative d'accoglienza)... fate davvero ridere..

    Rispondi

  • Antonio

    2018/01/16 - 13:01

    Ottimo soggetto, esempio della perfetta integrazione di queste risorsei. E ora chi paga per i danni alle auto?

    Rispondi

    • Giulio

      2018/01/16 - 14:02

      Li paga la caritas....

      Rispondi