il network

Mercoledì 26 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Capodanno, niente botti in centro

Ordinanza del sindaco: nella parte esterna sono consentiti a patto di non arrecare disturbo, danno o molestia a persone e animali

Capodanno, niente botti in centro

CREMONA - Il sindaco Gianluca Galimberti ha firmato l'ordinanza per la prevenzione dei rischi che derivano dall’impiego di artifici pirotecnici di libera vendita in occasione dei festeggiamenti per il Capodanno 2018. Dal 30 dicembre 2017 e fino al 2 gennaio 2018 è vietato far esplodere artifici pirotecnici di libera vendita che abbiano l’effetto scoppiettante, crepitante o fischiante quali ad esempio raudi o petardi di qualsiasi tipo in tutti i luoghi pubblici situati all'interno della Zona di Particolare Rilevanza Urbanistica (individuata dal perimetro circoscritto dalle seguenti strade: via Dante, via Ghinaglia, via Massarotti, via Cadore, via Santa Maria in Betlem, via Pedone, via Decia). Sarà tuttavia consentito l’utilizzo di artifici pirotecnici ad effetto prevalentemente luminoso, quali ad esempio fontane, bengala, bottigliette a strappo lancia coriandoli, fontane per torte, bacchette scintillanti e simili, trottole, girandole e palline luminose appartenenti alla V categoria, gruppo D.

Al di fuori del perimetro della Zona di Particolare Rilevanza Urbanistica, nella parte esterna del territorio comunale, sarà invece consentito l’utilizzo di artifici pirotecnici di libera vendita in genere (compresi quelli ad effetto scoppiettante, crepitante o fischiante) a condizione di non costituire disturbo, danno o molestia a persone o animali.

E’ previsto comunque il divieto di far esplodere giochi pirici di libera vendita nel raggio di 200 metri dagli ospedali, dalla case di cura, dai ricoveri pubblici di animali (canile, gattile),

Per coloro che non rispettano le disposizioni è prevista una sanzione fino a 150 euro.

28 Dicembre 2017