il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASO DJ FABO

Processo Cappato, Riccio testimone della difesa

La deposizione ieri a Milano: "Fui contattato a fine estate 2016"

Processo Cappato, Riccio testimone della difesa

L'anestesista Mario Riccio

CREMONA - E’ il medico che ha staccato la spina a Piergiorgio Welby. A lui, Marco Cappato aveva pensato per il caso di dj Fabo. L’anestesista cremonese, Mario Riccio, mercoledì 13 a Milano, ha testimoniato al processo a carico del leader radicale e tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, imputato per aver rafforzato il proposito suicidario di Fabiano Antonini, 40 anni, cieco e tetraplegico in seguito a un incidente stradale, e per averlo aiutato a raggiungere la Svizzera, dove lo scorso febbraio ha ottenuto il suicidio assistito nella clinica Dignitas, vicino a Zurigo.
Testimone della difesa, «in un clima molto sereno» Riccio ha spiegato alla corte d’assise presieduta da Lilio Mannucci Pacini, di essere stato contattato da Cappato a fine estate del 2016. «Cappato mi aveva chiesto disponibilità, pur con diversi problemi pratici di assistenza». Dopo la testimonianza di Riccio, durata meno di mezz’ora, si è difeso Cappato. L’udienza si era aperta con la visione del filmato de ‘Le Iene’, nel quale si vede l’agonia di dj Fabo. L’agonia della sua condizione di cieco e tetraplegico. «Andrò via col sorriso perché vivo nel dolore», sono alcune delle sue parole. Il video lo hanno guardato con gli occhi gonfi di lacrime, non solo la madre Carmen Carollo e la fidanzata Valeria Imbrogno, ma anche la pm Tiziana Siciliano, che per Cappato aveva chiesto l’archiviazione, «perché avrebbe semplicemente aiutato una persona ad esercitare il diritto di morire con dignità». Il gip, Luigi Gargiulo, si era però opposto, ordinando l’imputazione coatta. Pm e difesa parleranno il 17 gennaio; il 14 febbraio la sentenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Dicembre 2017