il network

Sabato 17 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Pugno in faccia da un punkabbestia, la vittima si costituisce parte civile

Nel processo per lesioni personali dolose a carico di un cremonese 43enne

Pugno in faccia da un punkabbestia , si costituisce parte civile

CREMONA - Lunedì 11 novembre del 2013, sette di sera passate: C. ha appena lasciato l’istituto scolastico dove lavora come collaboratore e si incammina verso casa. In via dell’Annona viene, all’improvviso, aggredito brutalmente da un punkabbestia che gli tira un pugno in faccia, gli spacca naso e mandibola, mandandolo in ospedale: intervento e 32 giorni di prognosi.
Il perché di tutta quella violenza, C. non lo sa. Ora si è costituito parte civile nel processo per lesioni personali dolose a carico di chi, quella sera, lo colpì, e al quale i poliziotti risalirono grazie all’allarme immediatamente lanciato da alcune signore, testimoni dell’aggressione.
Sul banco degli imputati c’è il cremonese L. F., 43 anni, il corpo tatuato, nazista simpatizzante, qualche precedente. C., parte civile attraverso l'avvocato Luca Curatti, gli chiede non meno di 8mila euro di risarcimento dei danni biologico, morale e patrimoniale.
Mercoledì 13 il giudice, Francesco Beraglia, ha ammesso le prove di accusa, parte civile e difesa. Per L.F., l’avvocato Gianandrea Balzarini ha chiesto ‘l’esame dell’imputato’: l'uomo si difenderà. Il processo è stato aggiornato al 7 marzo prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Dicembre 2017

Commenti all'articolo

  • Romeo

    2017/12/14 - 07:07

    Perché l'INAIL non si costituisce parte civili che ha dovuto pagare il dipendente in malattia?

    Rispondi